Boldrini a Jesi per Premio Carlo Urbani: «Il medico marchigiano modello di solidarietà» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Boldrini a Jesi per Premio Carlo Urbani: «Il medico marchigiano modello di solidarietà»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Laura Boldrini oggi a Jesi in occasione del Premio Carlo Urbani che si è svolto stamattina a Palazzo Bisaccioni. «Fate che Carlo Urbani sia un modello d’ispirazione per le nuove generazioni, la sua visione del mondo deve essere il più possibile diffusa». Per l’ex terza carica dello stato, oggi «in piena emergenza umanitaria, gli italiani hanno smesso di donare». Sarebbero infatti crollate, negli ultimi tempi, le elargizioni benefiche a sostegno di organizzazioni come Unicef e Medici Senza Frontiere.

La ex presidente della camera ha rivolto poi un saluto ai sindaci di Jesi e Castelplanio Massimo Bacci e Barbara Romualdi, arrivati dalla cerimonia di inaugurazione della mostra dedicata a Carlo Urbani, allestita a Palazzo dei Convegni dove resterà fino al 25 novembre. Un’esposizione fotografica e documentaria che intende condividere il lascito del grande medico marchigiano nello stesso territorio che lo ha visto crescere e maturare e intraprendere le prime importanti scelte a livello umano e solidale ancor prima che professionale.

Presente all’incontro di stamattina anche il figlio del premo Nobel per la pace, Tommaso Urbani, presidente dell’Aicu: «L’associazione ha come obiettivo non solo quello di onorare la memoria di mio padre ma anche il compito di portarne avanti le attività». A ricevere il premio, giunto alla terza edizione, dalle mani della Boldrini la dottoressa Maria Antonietta Purgatorio, per il progetto Pemba (Fondazione Ivo De Carneri) e il dott. Sergio Cotugno per il progetto Italia Intersos.  La cerimonia è avvenuta in presenza di Alessandro Verona, referente medico dell’Unità di migrazione Intersos, e Sandra Carozzi, presidente della Fondazione De Carneri.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.