Boldrini, rientro in città: "A Jesi, riscopro le mie radici" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Boldrini, rientro in città: "A Jesi, riscopro le mie radici"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – E’ stata accolta calorosamente dalla città la presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, rientrata nella sua Jesi sabato scorso per la presentazione del suo libro “Solo le montagne non si incontrano mai” presso il Teatro Pergolesi. La presidente ha raccolto l’invito dell’istituto comprensivo San Francesco di Jesi che, grazie all’impegno e alla passione educativa dei docenti, ha sviluppato un progetto di educazione alla lettura, che ha avuto come oggetto e strumento formativo il libro della Boldrini. Con lei, invitati anche l’ex reporter di “Chi l’ha visto?” Matteo Berdini e Murayo Torregrossala ragazza protagonista del libro “Solo le montagne non si incontrano mai” che la Boldrini ha scritto per raccontare una vicenda che l’ha vista pienamente coinvolta. A condurre l’incontro, il giornalista Luca Pagliari.

Presenti anche la Giunta, alcuni Consiglieri comunali di Jesi e il sindaco Massimo Bacci che, invitato sul palco, ha consegnato alla presidente Boldrini una medaglia coniata per l’800esimo anniversario dalla nascita di Federico II: “Un altro nostro concittadino illustre che ha lottato per la cultura e l’integrazione – ha spiegato il  Sindaco – Sono temi importanti da affrontare insieme a lei, dinnanzi alle nuove generazioni. E’ un onore averla con noi a parlare di radici, qui a Jesi, dove sono le sue”.

“Ho scritto questo libro in un momento in cui sentivo la mancanza della mia famiglia – ha raccontato la presidente della Camera Boldrini – Sono stata sempre una donna forte e indipendente, tanto da allontanarmi da casa all’età di 18 anni per cercare una strada che fosse solo mia. La storia di Murayo e dei suoi padri mi ha commossa e ha colmato il vuoto che sentivo dentro. Perché se all’estero, con la mia professione, ho imparato l’arte della mediazione, i valori, quelli fondamentali, li ho ricevuti dalla mia famiglia, a Jesi, la città dove sono cresciuta”.

Una storia di immigrazione a lieto fine, quella presentata, che prende le mosse nel 1994 in Somalia dove Murayo, una bambina gravemente malata, viene lasciata in un ospedale militare italiano per essere curata. Il padre va a visitarla una volta e poi sparisce. La piccola diventa la mascotte dell’accampamento fino al momento del ritiro del contingente. Ma il militare che avrebbe dovuto accompagnarla all’orfanotrofio di Mogadiscio non se la sente di abbandonarla, le vuole bene e decide di portarla con sé. Murayo arriva in Sicilia e diventa il centro di una nuova famiglia. È convinta di aver perso tutti i suoi cari e la Somalia resta per lei solo un lontano ricordo. Fino a quando, 14 anni dopo, una puntata della trasmissione “Chi l’ha visto?” rimescola di nuovo le carte e accade quello che nessuno avrebbe mai immaginato: Murayo riconosce suo padre in un campo di rifugiati in Kenya.

“Solo le montagne non si incontrano mai” diventa così l’incredibile storia di una ragazza che intraprende il viaggio più importante della vita per ritrovare la sua famiglia. Una vicenda segnata da situazioni imprevedibili e coincidenze fatali che travolgono anche tutte le persone a lei vicine. L’aiuta in questa impresa una donna determinata come Laura Boldrini, da anni impegnata nella difesa dei diritti dei rifugiati, che racconta con grande coinvolgimento come una perdita può trasformarsi in una conquista. Perché oggi Murayo non è più divisa tra due padri ma unita a tutti e due.

 

(foto: Matteo Baleani)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.