Banner Aprile IH Victoria

Boom di presenze a Palazzo della Signoria per Roberta Bruzzone

JESI– Una sala gremita, quella di Palazzo della Signoria, per la presentazione del libro “IO NON CI STO PIÚ – Consigli pratici per riconoscere un manipolatore affettivo e liberarsene”, scritto dalla famosa criminologa e psicologa forense Roberta Bruzzone.

Diventata un volto noto della televisione nei palinsesti di cronaca nera, Roberta Bruzzone è stata ospite di Fidapa BPW (Business & Professional Women ) Italy– sezione di Jesi, in occasione dell’incontro dal titolo “Se questo è amore…” :

«Un incontro lungamente pensato e programmato – ha affermato Gianfranca Schiavoni, presidente di Fidapa Jesi-  per diffondere la cultura del rispetto. Solo così possiamo contrastare ogni tipo di violenza».

Concorde anche l’assessore ai Servizi Sociali, Marialuisa Quaglieri, presente in sala per ribadire quanto il problema della violenza, non solo verso le donne, sia un fattore anzitutto culturale e che pertanto, riguarda ognuno di noi: «Serve una chiamata all’azione, occorre un’adeguata istruzione alla sensibilità sul tema per chi opera, per le forze dell’ordine, ma anche un percorso di gestione dei maltrattanti. Nessuno di noi è escluso».

Il libro di Roberta Bruzzone però, come è stato più volte sottolineato, non è un libro contro la violenza di genere, non è necessariamente rivolto ad un pubblico femminile: si presenta piuttosto come un manuale, un libro tecnico di profilazione di quelli che sono i tratti distintivi di un manipolatore affettivo, attraverso 124 indicatori, che l’esperta è riuscita a raccogliere nel corso delle sue indagini e consulenze.

Un libro che è già diventato un’istituzione nel settore: si pensi che Cina e Germania ne hanno comprato i diritti. Questo perché «forse anche in altri Paesi esistono queste relazioni disfunzionali. Dobbiamo allora porci il quesito e chiederci quali sono i valori e gli stereotipi disfunzionali» ha spiegato Roberta Bruzzone, descrivendo anche come le relazioni disfunzionali non siano semplicemente all’interno di una relazione amorosa.

«I manipolatori affettivi possono essere nei rapporti di amicizia, famigliari, a lavoro, in qualsiasi contesto sociale. Sono persone egocentriche alla continua ricerca di conferme, aggressivi, invidiosi, che hanno bisogno di svilire l’altra persona. E anche per le persone più strutturate può capitare, in un momento di particolare debolezza, di incappare in persone così, che subito riescono ad intercettare i nostri bisogni, magicamente.

Sono capaci di creare una dipendenza, che non ha nulla da invidiare ad una qualsiasi dipendenza da droghe. Bisogna creare una consapevolezza ed abbattere gli stereotipi fortissimi, ancora presenti nelle nuove generazioni. Le nuove generazioni, da una recente ricerca, giustificano uno schiaffo: questo significa che stiamo ancora perdendo la battaglia».

«Dobbiamo partire dal presupposto che la violenza non ha classe sociale, ne età, ma appartiene a tutti» ha dichiarato nel suo intervento in sala Bernardo Gili, psicologo e psicoterapeuta che dal 2014 ha avviato il Progetto V.O.C.E, dedicato alla gestione e al recupero degli uomini maltrattanti in primis. Lo stesso Gili, in una domanda posta dalla moderatrice Catiuscia Ceccarelli, giornalista e vice-Presidente di Fidapa jesi, ha aggiunto che il sentimento di paura è importante per riconoscere l’esistenza delle cose, ma occorre avere il coraggio e cominciare ad adottare un linguaggio comune per parlare delle emozioni e delle fragilità degli uomini.

Una tematica analizzata da diversi punti di vista, che ha coinvolto fortemente i presenti, i quali hanno rivolto quesiti delicati su come provare ad allontanare una vittima da un potenziale manipolatore affettivo, ma anche proposte: l’educazione sentimentale, sin dalla più tenera età, per una concreta presa all’azione verso la cultura del rispetto.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.