Botta e risposta tra Lucaboni e Massaccesi: la replica del candidato sindaco di Libera Azione

JESI – La replica del candidato sindaco di Libera Azione Jesi Massimiliano Lucaboni alle parole del candidato Jesiamo Daniele Massaccesi:

“Ho letto con interesse il comunicato stampa di Massaccesi che sembra si sia risentito per il fatto che io l’abbia citato immeritatamente e soprattutto in maniera  scorretta non essendo lui candidato Sindaco alla prossima tornata elettorale.

Rassicuro Massaccesi,  è accaduto solo per il ruolo che comunque in questa città è sempre appartenuto al leader della destra storica cittadina, almeno fino a 5 anni fa.

Spiego. In un post sulla mia pagina FB scrissi che mi meravigliava l’accordo fatto dalle liste Bacci con il PSI,  che candida nelle sue liste alcuni esponenti socialisti, e che non capivo come fosse possibile mettere insieme due esperienze così diverse come quella socialista e quella della destra che Massaccesi rappresenta, visto anche che in tutti i Comuni non solo marchigiani ma italiani il PSI, come in regione Marche, è alleato  del PD.

Insomma pensavo : COME SONO CONCILIABILI LE RICETTE SOCIALISTE CON QUELLE DELLA DESTRA STORICA JESINA?

La risposta credo sia venuta dallo stesso Massaccesi quando nel suo comunicato ha vantato tutto quanto la giunta Bacci ha fatto in questo quinquennio e criticandomi dicendo che io non ho una politica di visione per la nostra città, e che addirittura mi vergogno a presentare se NON CAMUFFANDOLO  il simbolo di FI in città, così come altre cose a cui volentieri replico.

1) non è vero che io attacco solo Bacci. Come lui sa benissimo, e lo dissi anche al Sindaco Bacci  nell’ultima telefonata avuta quando Bacci mi comunicò la indisponibilità della sua maggioranza ad intavolare un dialogo con noi, salutandoci gli dissi ” lei comprende che i nostri sono due bacini elettorali simili  e quindi è chiaro che nella mia posizione devo criticare, come fatto tra l’altro in questi 5 anni di opposizione, l’operato della giunta uscente così come, se ci sarà occasione, apprezzamenti”

2)non attacco la Lega e raramente rispondo agli attacchi per il semplice fatto che non voglio far vedere all’elettorato di centro destra lo scontro tra due partiti che naturalmente dovrebbero essere alleati, non mi piace non lo faccio.

3) Non nascondo il simbolo di Forza Italia. Già da un anno avevamo deciso di scendere in campo con una lista civica di centro destra nata dalla pagina FB LIBERA azione  lo decidemmo come coordinamento di FI e così abbiamo fatto. Il simbolo di Forza Italia è ben visibile e i nostri elettori sanno quale è la lista  di forza italia, che ti ricordo è guidata dal suo coordinatore cittadino, il sottoscritto.

Molto diverse il caso delle “tue” liste civiche. Dove la destra che teoricamente è maggioranza nella rappresentanza consiliare in realtà in questi 5 anni HA FATTO SOLO POLITICHE SOCIALMENTE SPOSTATE VERSO GLI EXTRACOMUNITARI IN CONTINUO ARRIVO, ANCHE GRAZIE AD UNA POLITICA DI ACCOGLIENZA SEMPRE PRONA AL PREFETTO DI TURNO.

AVETE COSTRUITO PRATICAMENTE DUE CENTRI ACCOGLIENZA, LA CASA DELLE GENTI, CHE PRIMA O POI DOVRA’ ADEGUARSI AI TANTI ARRIVI CHE L’ATTUALE GIUNTA NULLA FA PER FERMARE, COSI’ COME IL CENTRO CARITAS IN VIALE PAPA GIOVANNI XXIII CHE ANDRA’ COME ACCADUTO ALTROVE A SNATURALIZZARE QUELLA ZONA RESIDENZIALE DOVE SI VEDRANNO CROLLARE I PREZZI DI CASE E AFFITTI E A BREVE IL QUIETO VIVERE SOCIALE.  VEDI LE ZONE DI SAN GIUSEPPE E PRATO DOVE TRA L’ALTRO E’ PREVISTO IL PALAZZONE DELL’ERAP CHE SARA’ UNA BOMBA AMBIENTALE E SOCIALE PER QUEL QUARTIERE GIA’ DI PER SE’ SOCIALMENTE PROVATO.

4) Credo che le mie idee su Banca Marche siano molto chiare. Ho sempre detto e sostenuto che la prima cosa da fare era e rimane quella della restituzione di quanto è stato rubato. Ho paura che sarà un percorso difficile e non so quando porterà a risultati concreti per le vittime di banca Marche. Ti ricordo che la prima mozione in assoluto sulla questione fu presentata  dal Senatore  Ceroni dove si chiedeva una commissione parlamentare d’ inchiesta e la restituzione di quanto sottratto. Bianconi? In galera niente di più.

5) Mi permetto di dire che io non inseguo nessuno. Quando ho cominciato, abbiamo cominciato, ad occuparci dei problemi della città eravamo solo noi a farlo, poi sono arrivati gli altri.

Ti ricordo che il nostro programma a breve sarà disponibile e lì ancora meglio conoscerai le nostre proposte, che non prevedono preghiere musulmane di piazza sponsorizzate dall’amministrazione comunale, ma che invece saranno incentrate su  politiche sociali per dare ai nostri concittadini una mano concreta per vivere.

Ultimo e concludo, IO CORRO PER VINCERE NON PER FARE L’ASSESSORE IN NESSUNA GIUNTA. TRANQUILLO PRESIDENTE NESSUNO TI PORTA VIA IL POSTO”.

Massimiliano LUCABONI

Candt. Sindaco di FI e LIBERA azione jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*