Breaking Bad, una serie entusiasmante | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Breaking Bad, una serie entusiasmante

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Da cinque stagioni è una delle serie cult in America e in Europa. Ha fatto incetta di premi e tiene incollati milioni di spettatori al televisore. Breaking Bad è infatti uno dei grandi fenomeni della televisione oltreoceano, ha velocemente scavalcato le classifiche delle migliori serie televisive del pianeta (Lost, Sopranos, Dexter, Prison Break ecc).

Breaking Bad non ha nulla a che fare con le citate serie tv e può vantare di qualità registiche e attoriali da far invidia alle grandi produzioni cinematografiche hollywodiane. “Reazioni collaterali” ha dalla sua una fittissima trama ricca di colpi di scena e una caratterizzazione eccellente di quelli che sono i principali protagonisti, uno su tutti Walter White.

Certo, inizialmente bisogna aver pazienza. La prima stagione, composta da sette episodi, e non è elettrizzante come le successive. Ma Vince Gilligan, ideatore della fortunata serie, vuole permettere allo spettatore di identificarsi con il grande protagonista indiscusso, il professor Walter White, malato di cancro e grande chimico, pronto per amor della famiglia a diventare produttore di metanfetamine, raggiungendo la fama di eccellente “cuoco”.

Antagonista di W.W. è il poliziotto della D.I.A Hank, cognato di Walt. Ma sul rapporto fra i due non possiamo anticipare nulla. Spesso il potere delle immagini può elevare un prodotto artistico. E’ il caso di Breaking Bad, che con fotogrammi verosimili e sanguinolenti riesce a creare un prodotto “pulp” degno dei migliori Rodriguez e Tarantino.

Sarà la trama o il carisma di alcuni personaggi, come Jesse Pinkman o Walter White, ma Breaking Bad resta e forse resterà una delle migliori serial tv statunitensi, arrivando a standard inimmaginabili per un prodotto seriale.

Giuseppe De Lauri

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.