Brindisi di solidarietà con Partner Wine, giovane start up jesina | | Password Magazine

Brindisi di solidarietà con Partner Wine, giovane start up jesina

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Brindare non ha mai fatto così bene: nasce Partner Wine, la nuova start up jesina che coniuga la passione per il vino al sapore della solidarietà.

Il progetto prende spunto dalla forte motivazione espressa da due giovani jesini, Michela Gioia e il suo compagno Stefano Baleani intenzionati ad aiutare i bisognosi tramite azioni di beneficenza che si concretizzino tramite l’acquisto di un prodotto di largo consumo: il vino, senza aumenti del costo di acquisto da parte del consumatore finale.

Basta cliccare su partnerwine.it per scegliere tra una selezione di etichette locali – Piersanti, Ponte Magno, Teatro del Vino e Boccafosca – e dirigere così una parte del ricavato automaticamente verso un fondo che sarà appositamente creato.

Le donazioni saranno dirette senza intermediari verso il beneficiario finale, tramite un contatto diretto.

In questa prima fase, obiettivo è raccogliere fondi – circa 8 mila euro –  a favore della Fondazione Salesi onlus per l’acquisto di un robottino per la Robot therapy, capace di portare sollievo ai bambini in corsia.

Previsti anche eventi ad hoc ma chi non potrà partecipare potrà dare il proprio contributo attraverso l’acquisto on line: in prossimità del Natale, saranno disponibili non solo vini ma anche cesti natalizi e pacchi dono di solidarietà.

Michela e Stefano cercano aziende vinicole e partner disposti ad allargare la rete benefica : un contributo è già arrivato dall’architetto Francesco Mecarelli che ha realizzato gratuitamente la grafica e i logo di PartnerWine.

«È una grande sfida – dicono Michela e Stefano – ma sappiamo che è un progetto importante e per la sua perfetta riuscita,  contiamo sui produttori vinicoli, ai quali in cambio daremo una importante visibilità, per trovare quel sostegno necessario nella fase di startup».

Sul sito saranno diffuse tutte le iniziative, supportate anche dai social network in una grande operazione di socialnetworking.
Ora non resta che alzare i calici, sapendo che come diceva Bukowsky: “Se non succede niente si beve per far succedere qualcosa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.