“Buonasera Marche Show – Christmas Edition”, serata all’insegna del dono

JESI – “Buonasera Marche Show”, arriva a Jesi il talk show itinerante che racconta i lati noti e meno noti dei personaggi del territorio.

Venerdì 22 dicembre il Teatro Pergolesi ospiterà dalle 21.15 lo spettacolo condotto da Maurizio Socci e realizzato da Filodiffusione di Paolo Filippetti con il sostegno del Comune di Jesi e il coordinamento di Isabella Binetti.

Temi cardine della serata sono il dono e il celebrare Jesi attraverso di esso, ponendo i riflettori su tutte quelle persone che hanno fatto qualcosa per la città d Jesi, o quello che il Comune di Jesi ha fatto per altri comuni e persone.

Ed ecco che entrano in gioco nomi come Selena Abatelli che con il suo “Dream Day” è un esempio di come persone ed associazioni sanno e possono stimolare la generosità di una comunità: i giochi per i diversamente abili presenti nei giardini pubblici di Jesi sono un fiore all’occhiello per la città. Verranno poi presentati ospiti come i mecenati dell’Art Bonus e Altero Lardinelli con i suoi atleti dell’Aurora Basket, in evidenza per il ruolo fondamentale che la squadra ricopre per la città di Jesi.

“Il concetto di dono può essere declinato in diversi modi da una persona all’altra – commenta il vice sindaco Luca Butini – La donazione che i cittadini di questo territorio, sotto la guida del Comune, hanno fatto per la comunità di Arquata del Tronto ne è un esempio  costruttivo e virtuoso di dono. Saranno protagonisti allo stesso tempo coloro che hanno donato materialmente le proprie risorse finanziarie a beneficio della collettività: se si contribuisce per esempio al restauro di un opera, si fa un dono non soltanto ai miei contemporanei ma anche ai figli e nipoti di tutti quelli che vivono in città”.

Per l’occasione sarà presente una delegazione del comune di Arquata del Tronto, uno dei più duramente colpiti dal terremoto, verso il quale la comunità di Jesi ha destinato aiuti e progetti concreti. I doni durante la serata saranno di diversa natura, come i bambini delle scuole elementari di Jesi che leggeranno delle letterine da loro scritte sempre sulla scia del dono, quindi dal tema “Che cosa vorrei da Babbo Natale per la mia scuola o il mio quartiere?”.

Inoltre, si presenteranno gli amici dell’Ente Palio San Floriano che daranno il via allo spettacolo con una dimostrazione della loro abilità con le spade, le incursioni di un simpatico “zampognaro”, a seguire la “Corale Brunella Maggiori” che farà un intervento ad inizio spettacolo e uno alla fine. Vi saranno poi dei contributi video, visti come atti di amore per la città: in particolare quello realizzato da un gruppo di 5 musicisti che interpretano un pezzo dei Modena City Ramblers dal titolo “Un giorno di pioggia”, ambientato nelle zone del centro storico di Jesi.

Ma non sarebbe Natale se non ci fossero regali per tutti: a questo ha pensato l’IperSimply di Jesi che contribuirà con dolcetti e doni e regali speciali che verranno estratti a sorte durante la serata.

“Quello che vogliamo fare nella serata del 22 dicembre – commenta l’assessore Butini Luca –  non è soltanto stare insieme quell’ora e mezzo dello spettacolo e alla fine farci magari anche gli auguri di Natale, ma sottolineare che vivere insieme in questa città vuol dire generosità, anche per uno sconosciuto”.

Nella città di Jesi se si va alla ricerca di esempi che possano configurare il concetto di donazione, ce ne sono tanti, e si cercherà dunque di metterli tutti in evidenza durante la serata.

“È un’opportunità per stare insieme qualche giorno prima di Natale e far emergere i valori veri a cui teniamo in particolar modo. Aspettiamo con curiosità la serata, anche perché Socci ci farà sicuramente delle sorprese – spiega il sindaco Bacci Massimo – ma soprattutto aspettiamo questa serata per evidenziare il rapporto che si è instaurato con il comune di Arquata del Tronto, per risensibilizzare la cittadinanza sui recenti fatti del terremoto. Noi siamo tornati ad una vita normale, ma altre persone, a pochi chilometri da noi, vivono ancora in stato di emergenza e difficoltà”.

Insomma, vi aspettiamo il 22 dicembre al Teatro Pergolesi per farci, e per farvi gli auguri di buon Natale e felice Anno nuovo. In un modo unico che solo la città di Federico II poteva realizzare! Ingresso gratuito, ovviamente! Se no, che Natale è?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*