Burian, il vero pericolo sarà il ghiacchio | Password Magazine

Burian, il vero pericolo sarà il ghiaccio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da: B&B La Nicchia di Mercato, Maiolati

VALLESINA – Burian è in arrivo. In molti stamattina attendevano l’arrivo di abbondanti precipitazioni nevose, come da allerta meteo, ma in realtà nelle zone a bassa quota dal cielo è piovuto solo qualche primo fiocchetto misto a pioggia, alimentando diverse discussioni sui social. La situazione è comunque in evoluzione e già il fenomeno ha registrato un’intensificazione nelle prime ore del pomeriggio.

Diversa la situazione in alta collina, dove la neve ha iniziato sin da subito ad imbiancare i paesaggi, come è successo a Cupramontana, Staffolo, Risora e Maiolati. A Jesi, causa allerta meteo le scuole domani resteranno chiuse.

“I termini “Burian, Burano e Buriana” non esistono nella nomenclatura meteorologica mentre il BURAN è un vento gelido e secco tipico della Siberia orientale – è il commento del climatologo  e Docente Università di Camerino  e di Ferrara Massimiliano Fazzini –  e della Mongolia. Le fenomenologie associate a tale avvezione fredda dovrebbero essere complessivamente modeste, visto che l’aria in arrivo è si molto fredda ma decisamente  secca. Il pericolo più impellente per la popolazione diverrà cosi il ghiaccio. Un significativo miglioramento di tali condizioni è atteso per mercoledì ma la situazione non si sanerà totalmente prima del prossimo fine settimana. Evidentemente, dunque, non saranno con ogni probabilità le fenomenologie ad essere eccezionali ma la durata dell’ondata di freddo relativamente al periodo dell’anno, visto che il primo Marzo debutta la Primavera meteorologica. Dovremmo sempre più abituarci a queste anomalie meteo – climatologiche,  con ogni probabilità strettamente dipendenti dal riscaldamento globale in atto e la popolazione dovrà “adattarsi” a tali nuove condizioni ed anzi beneficarne attraverso una politica di gestione dell’ambiente che i comuni hanno iniziato a perseguire anche mediante la redazione di Piani di Adattamento ai cambiamenti climatici e ai contratti di fiume – lago – costa”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.