Caldo infernale, in ospedale si boccheggia: Tribunale Diritti del Malato lancia allarme

JESI – Il Tribunale per i Diritti del Malato lancia l’allarme sul problema della climatizzazione all’interno dell’ospedale cittadino: “Stamane dopo un sopralluogo nei reparti del Carlo Urbani con 40° gradi fuori abbiamo purtroppo verificato ancora una volta che l’impianto di condizionamento dell’ospedale non funziona in modo omogeneo e con la stessa efficacia – si legge in una nota stampa – Ci sono infatti unità operative che stanno bene mentre altre (quelle esposte a sud) che patiscono tremendamente il caldo (Ortopedia, Reumatologia e Ostetricia –Ginecologia). Ma non abbiamo , come si dice scoperto l’acqua calda, è da quando il Carlo Urbani è stato inaugurato che abbiamo segnalato più volte questo malfunzionamento dell’impianto ma anche per quest’anno nulla è stato fatto”.

Condizionatori portatili stanno affollando le UO in sofferenza: “E meno male che la direzione dell’ospedale si sia attivata altrimenti si boccheggiava – tuona il Tribunale – senza che la ASUR si preoccupi di verificare il perché di tale malfunzionamento e soprattutto a porvi rimedio. Il rischio di installare condizionatori portatili è grande  per i ricoverati e per gli operatori sia per l’impatto che hanno sull’impianto elettrico (rischio incendio) sia per la necessità che essi hanno di svuotare la vasca di accumulo della condensa (rischio è che il paziente si alzi dal letto e si trovi con i piedi in una pozza di acqua). Chiediamo pertanto all’ASUR di intervenire in maniera definitiva sui malfunzionamenti ma invitiamo anche il Sindaco e la Giunta a farsi parte attiva verso la stessa ASUR per affrontare anche questa problematica dopo le zanzare , i ristagni di acqua e le possibili chiusure di attività nel nnostro nosocomio a seguito della riorganizzazione delle reti cliniche”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*