Calendario ricco di eventi per la festa della Donna

 

JESI – In occasione della festa della donna dell’8 marzo le varie associazioni a sfondo sociale e a favore della donna hanno ideato un format di eventi tutto al femminile.

L’assessore Marisa Campanelli ha voluto sottolineare l’importanza di queste realtà che operano sul territorio non soltanto in occasione di una ricorrenza, come in questo caso, ma tutto l’anno portando idee e organizzando manifestazioni di spicco per la comunità: «Si tratta di un gruppo di donne che lavorano sodo perché credono in ciò che fanno – continua l’assessore – e quest’anno si sono superate».

Il calendario è ricco di eventi: andiamoli a scoprire più nel dettaglio.

Per la giornata di giovedì 8 marzo è stata organizzata da parte di UDI (Unione donne in Italia) Ostello delle Idee e Non una di meno Jesi la “Tammurriata Power”, la passeggiata femminista in notturna che partirà alle 18 da Piazza Federico II: «Per riappropriarci dei spazi, dei luoghi e della notte – spiegano Maria Antonietta Schiadà (Non una di meno Jesi) ed Emanuela Bartolini (Non Una Di Meno Jesi/Ostello delle idee) – abbiamo pensato di organizzare una passeggiata in notturna per rivendicare i nostri diritti, per riprenderci le strade, riappropriarci della notte e dare un significato ai luoghi che attraversiamo quotidianamente».

La passeggiata arriverà in Piazza Sansovino dove ci saranno letture e spiegazioni della tammurriata, fino ad arrivare in Piazza della Repubblica: tutto il percorso sarà animato da slogan, canti e balli per animare il centro storico, per poi concludere la passeggiata a Villa Borgognoni in cui ci sarà la presentazione del libro “Synomilia” alle 20.30 e il ballo della pizzica con Barbara Piattella per concludere festosamente la giornata dell’8 marzo.

Sempre per la stesa giornata vi sono altri due eventi in programma: l’inaugurazione della panchina rossa nel Piazzale Sansovino alle 17.30 e la messa celebrata dal vescovo nel santuario delle Grazie alle 18. Per il primo appuntamento se ne è occupato il Comitato Centro storico di Jesi: «Abbiamo pensato di regalare alla città di Jesi una panchina rossa – commenta Maria Cristina Zanotti del Comitato – come simbolo del sangue versato dalle tante donne sottomesse dagli uomini, vogliamo che il messaggio arrivi forte e chiaro a tutta la città”. Il secondo appuntamento è invece marchiato Cif (Centro Italiano Femminile): «Noi portiamo avanti l’aspetto religioso della festività – commenta Annalisa Masè rappresentante del CIF – celebrando la donna in Chiesa e con un intervento della presidente Piera Petrucci sul tema Abitare il proprio tempo. Il Cif nella complessità dell’oggi con i valori di sempre».

Per la giornata di venerdì 9 marzo è in programma lo spettacolo “Non c’era una volta” organizzato dal “Rotaract” presso il Teatro Pergolesi alle 21: «Abbiamo pensato di creare uno spettacolo che vedesse coinvolto sia la recitazione che la danza che il canto – commenta Giulia Catani del club – capace di trattare la violenza sulle donne. Lo scopo è quello di dar voce al mondo femminile e di rappresentare la forza che ciascuna ha dentro di loro. Lo spettacolo sarà ad offerta libera e il ricavato andrò devoluto alla casa delle donne di Jesi».

Per sabato 10 marzo è stato pensato da FIDAPA uno spettacolo dal titolo “Musica in rosa” che andrà in scena alle 18 nella sala del lampadario del Circolo Cittadino: «Come sempre Fidapa vuole cercare di mettere in risalto la creatività e il talento della donna – commenta Chiara Cascio socia young Fidapa, portando i saluti dell’ presidente Francesca Pentericci – e in occasione della festa dell’8 marzo proporremo un repertorio musicale storico delle compositrici dal 1700 ad oggi».

Si tratta di uno spettacolo fatto di musiche dimenticate ed oggi ritrovate grazie al lavoro della compositrice M° Sara Torquati e delle stupende voci liriche della soprano Beatrice Fallocco e del Mezzosoprano Daniela Nineva. La serata sarà presentata dalla compositrice M°Luciana Tosti Mariotti – socia della Fidapa jesina – che introdurrà il pubblico alla vita delle autrici e soprattutto al periodo storico da esse vissuto insieme alla loro parabola artistica. Lo spettacolo sarà ad entrata libera.

Ed infine, il Centro Studi Piero Calamandrei ha organizzato per venerdì 23 marzo lo spettacolo “Edera velenosa” con Venusia Morena Zampaloni, testo di Stefano Tosoni, regia di Alessandro Rutili e Stefano Tosoni, al teatro Pergolesi ore 21.00, al costo di ingresso pari a 12.50€.

«Lo spettacolo andrà anche in scena la mattina dello stesso giorno grazie al sostegno del Comune di Jesi – commenta Gianfranco Berti presidente del Centro Studi Piero Calamandrei – per le terze medie di Jesi, con l’intento di trasmettere un’educazione di genere».

E per finire, l’Ostello delle idee ricorda la rassegna “Scatti di donna” del 6, 13 e 20 marzo alle 21 presso villa Borgognoni: il circolo fotografico Massimo Ferretti presenta la prima rassegna dedicata alle donne e alla fotografia in cui percorreranno le vite di tre artiste attraverso i loro scatti e i loro scambi epistolari letti dal vivo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*