Candidati sindaco, le dichiarazioni...sui redditi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Candidati sindaco, le dichiarazioni…sui redditi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Pubbliche le dichiarazioni dei redditi dei candidati sindaco. Così Massimo Bacci in un appello alla “trasparenza”  rivolto agli altri cinque aspiranti al ruolo di Primo cittadino, in occasione del confronto elettorale organizzato lunedì sera da Radio Incredibile: “La città ideale non si costruisce con idee che poi non possono avere le gambe. Bisogna fare in modo che le idee diventino progetti. E i progetti si trasformino in azioni concrete. Sento parlare in continuazione di trasparenza – sono le parole di Bacci – Nel momento in cui mi sono candidato nel 2012, per prima cosa ho pubblicato la dichiarazione dei redditi, perché i miei concittadini devono sapere qual è la mia fonte di reddito, a quanto ammonta, quali sono le mie proprietà. Questo è un dovere di ogni amministratore pubblico. Essa è visionabile sul sito web del Comune di Jesi, da ben cinque anni è pubblica. Non credo che i candidati a sindaco abbiano fatto lo stesso, pur parlando spesso di trasparenza. Li invito ufficialmente a farlo. Ebbene, continuerò a gestire la città in questa maniera, con i fatti e non a parole, essendo corretto con tutti, guardando in faccia tutti, non promettendo nulla se non quello che è scritto nel programma di mandato”.

L’invito è ben accolto da Osvaldo Pirani che non fa mistero dei propri averi: “Il mio stipendio è già da diversi anni pubblicato sul sito dell’Asur, come giusto che sia, dunque non ho alcuna difficoltà a dichiararlo – spiega il candidato sindaco del PD –  Il mio reddito lordo annuo è di 115 mila euro dall’ospedale e 75 mila euro dalla professione privata. Totale: circa 190 mila”. Poi mostra il CUD da cui si evince che paga ogni anno circa 80mila euro di tasse. “Detto questo, ritengo che siano ben altre le misure che un sindaco possa intraprendere per rendere più trasparente l’attività dell’Amministrazione. Ne cito alcune: facilitare l’accesso agli atti, rendicontare gli esiti dell’operato amministrativo e istituire l’Anagrafe di tutti coloro che ricoprono ruoli per il Comune”.

Dello stesso parere è la candidata sindaco Silvia Gregori, Lega Nord, che si dice pronta a pubblicare il proprio reddito, nel momento in cui dovesse “ricoprire un qualsiasi incarico all’interno del Comune, fermo restando che la trasparenza del proprio operato di Sindaco non si evince dalla personale denuncia dei redditi”.

Nessun problema neanche per Massimiliano Lucaboni, candidato sindaco di Libera Azione Jesi: “Io ho già detto quanto guadagno mensilmente  – puntualizza facendo riferimento a quanto dichiarato in sede di confronto (circa 1300 euro al mese, ndr) – Comunque ritengo che queste cose non sono utili ai fini di una campagna elettorale.  Sono solo un modo morboso oggi molto presente nelle nostre società di entrare un po’ nella vita altrui quasi ce se ne possa impossessare. Ma se anche questo sedeve entrare nello scontro politico elettorale ben venga!”.
Su questo punto ribatte anche il candidato cinque stelle Luca Bertini: “La pubblicazione dei redditi per gli Amministratori è già un obbligo di legge quindi il fatto che il Sindaco Bacci dica che la sua è pubblicata sul sito del Comune è una ennesima “NoN Notizia” con la quale, forse, tenta di distrarre il dibattito politico dalla situazione tutt’altro che florida in cui ci riconsegna la città dopo cinque anni di governo sedicente civico. Ci auguriamo che il sindaco uscente pubblichi anche i redditi delle sue eventuali proprietà e attività. Nessun problema da parte nostra a pubblicare la denuncia dei redditi che conferma solo che non campiamo con la politica… Ricordiamo che la Trasparenza amministrativa è un’ altra cosa, come abbiamo fatto votare più volte in Consiglio comunale negli ultimi 5 anni e come puntualmente NON è stato attuato da Bacci ed i suoi. Oppure, come quando gli chiedemmo di sapere se all’interno degli uffici o della sua compagine di maggioranza ci fossero iscritti alla Massoneria… “. E infine rilancia: “A proposito, visto che allora non ci rispose, lo farà almeno oggi in campagna elettorale? E gli altri candidati ce lo dicono se hanno nei loro assembramenti (ops…pardon.. schieramenti) iscritti alla Massoneria? Per noi del M5S è obbligatorio non essere iscritti per potersi candidare… I paladini last minute della trasparenza rispondano anche a questo… I cittadini ringraziano!”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.