Cantiere Erap, la rabbia dei residenti: «Undici querce non ci sono più» | | Password Magazine

Cantiere Erap, la rabbia dei residenti: «Undici querce non ci sono più»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Almeno 11 le querce che sono state abbattute al cantiere della Torre Erap per fare posto al palazzone a 7 piani destinato ad un progetto di edilizia agevolata. Già la settimana scorsa, piante e alberi erano stati sradicati dalle ruspe sollevando non poche proteste. Dietro ai recinti del quartiere, i residenti si fermano ad osservare l’avanzamento dei lavori con rabbia, mista a rassegnazione. «Ci avevano detto che non avrebbero toccato le piante invece non hanno mantenuto le promesse» sono le parole di Gabriele, il residente che qualche giorno fa aveva esposto un cartello appeso al ramo di una quercia, ora abbattuta:  «Avevo chiesto che non venissero danneggiate. Queste querce erano lì dal 1986, le ho viste crescere.  Se si fosse spostato il cantiere di qualche metro se ne potevano salvare almeno alcune» Gabriele aveva piantato le ghiande e poi il tempo aveva fatto da se’: ne erano nate delle splendide roverelle che oggi purtroppo non ci sono più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.