Cantine del Cardinale, al via la raccolta fondi: «Vogliamo ripartire più forti di prima» | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Cantine del Cardinale, al via la raccolta fondi: «Vogliamo ripartire più forti di prima»

SERRA DE’ CONTI – Cantine del Cardinale, c’è voglia di ripartire. A quasi una settimana dal raid criminoso che ha distrutto circa 300 piante di visciola di proprietà dell’azienda, la famiglia Cardinali è pronta a rialzarsi in piedi.

«Dopo tutto quello che è successo vogliamo ripartire più forti di prima – si legge sulla pagina dell’azienda – Questo momento non è facile, ma abbiamo ricevuto centinaia e centinaia di messaggi con offerte di aiuto per ripartire da tutta l’Italia. Purtroppo abbiamo fatto una conta dei danni e sono veramente fuori dalla nostra portata. Ma siete stati davvero tanti, tanti, tantissimi a dirci di non fermarci perché “siamo tutti con voi”. E noi non ci fermeremo».

Oggi è partito il crowdfunding per sostenere le spese e ripartire con il lavoro. «Comprare le nuove piante da frutto, metterle a dimora e, nell’attesa della nuova produzione che impiegherà circa 5 anni, acquistare le materie prime per continuare a produrre tutta la gamma che abbiamo ideato in 10 anni di lavoro – spiega l’azienda –  Abbiamo bisogno di circa 150 mila euro, una cifra che per noi è veramente impensabile da sostenere. Ma in centinaia e centinaia avete detto di volerci dare una mano e di voler contribuire ad una raccolta fondi… e quindi abbiamo deciso di si, proviamoci, facciamo questo crowdfunding».

A questo link la pagina per partecipare alla raccolta fondi. «Vogliamo farcela a tutti i costi – dicono Luca e Giselle Cardinali che gestiscono l’azienda di famiglia – Vogliamo lavorare la nostra terra, raccogliere le nostre visciole e portare avanti il sogno dei nostri genitori! Grazie per tutto quello che farete e per l’affetto che ci state dando. Se ce la faremo, sarà solo grazie al vostro affetto».

 

1 Commento su Cantine del Cardinale, al via la raccolta fondi: «Vogliamo ripartire più forti di prima»

  1. Mi dispiace immensamente di quanto vi è capitato, ma mi aspetto che la giustizia trovi i responsabili che dovranno rispondere, anche in solido, del danno cagionato.
    Dovete resistere e non abbattervi la vita è fatta anche di momenti bui come questi, momenti che ognuno di noi si auspica non debbano mai arrivare. Penso di contribuire in qualche modo alla vostra sottoscrizione.
    Un caro saluto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.