Capabrò si esibiscono in streaming da casa: «La musica contro il virus». | | Password Magazine

Capabrò si esibiscono in streaming da casa: «La musica contro il virus».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Coronavirus non ferma la musica. Sopratutto se ci sono di mezzo i Capabrò che venerdì sera hanno tenuto un concerto in una sala da pranzo facendo divertire centinaia di persone. Come? Attraverso i social network.  Il gruppo musicale marchigiano, guidato dal frontman jesino Diego Brocani, sfida le distanze e l’isolamento imposto dal virus, escogitando un nuovo modo di fare musicale: il secret concert.

«Le recenti ordinanze hanno bloccato (tra tutte le cose) lo svolgimento di qualsiasi manifestazione pubblica – spiega il frontman Brocani -. Vivendo a stretto contatto con il mondo musicale, abbiamo assistito all’annullamento e rinvio di tutti i concerti e attività inerenti al mondo dello spettacolo. Artisti conosciuti o meno, band amiche, artisti emergenti, tutti costretti a veder annullarsi i propri eventi. Crediamo che in un momento di difficoltà, allarmismo e preoccupazione come questo sia importante attivarsi di fronte ad una problematica oggettiva. Di fronte ad un Paese in cui molteplici settori vengono bloccati, ci siamo guardati negli occhi e abbiamo iniziato a ragionare su come poterci attivare per non vivere da spettatori passivi questa situazione. Crediamo siamo importante cercare di continuare a vivere normalmente le nostre vite, in un modo o nell’altro» .

E così dopo averne discusso insieme tra loro, i Capabrò sono arrivati a una soluzione:  «Abbiamo ideato e organizzato, nel giro di nemmeno 24 ore, un secret concert nella sala da pranzo a casa di uno di noi. Abbiamo dato la possibilità ad un numero chiuso di persone (20) di prenotarsi e poter partecipare a questo strano format di concerto. In più, abbiamo trasmesso l’intero evento in diretta streaming, usando i nostri canali social Facebook e Instagram per dare la possibilità a tutti di essere presenti, anche se in modo diverso».

Secondo i numeri è stato un successo: oltre 2000 persone (tra i due canali) hanno seguito in diretta, interagendo direttamente con la band e passando un’ora e mezza in compagnia.

«Vista la risposta del pubblico, abbiamo deciso: se le persone non possono venire ad ascoltarci, saremo noi ad andare dalle persone – spiega DiegoAl momento stiamo dando la possibilità a tutti di poter organizzare un nostro concerto direttamente dentro la loro casa, continuando a trasmettere in streaming tutta la durata dell’evento, rendendolo accessibile a tutti. Se non sarà più possibile, continueremo ad esibirci dalla nostra saletta rivolgendosi  al pubblico dei social network. È molto importante continuare a vivere in maniera normale. Il nostro settore, quello dello spettacolo e dell’intrattenimento, può essere una medicina per non smettere di farlo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.