Carabinieri arrestano pusher tunisino, spacciava eroina per 80 euro al grammo | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Carabinieri arrestano pusher tunisino, spacciava eroina per 80 euro al grammo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – Erano diversi mesi che i Carabinieri di Chiaravalle, a seguito di numerose segnalazioni di abitanti del luogo, tenevano sotto controllo l’area attrezzata presente sulla pista ciclabile che porta a Falconara Marittima, parallela a via Clementina, dove erano state rinvenute  numerose siringhe da insulina abbandonate.

In particolare era stato segnalato che alcuni extracomunitari, verosimilmente nordafricani, erano soliti stanziare in quella zona e che, durante la loro presenza, venivano avvicinati da numerosissimi giovani.

I militari, diretti dal Mar. Ca. Domenico Maurelli, data la particolarità dell’area che non permette il transito con automezzi ma solo in bicicletta o a piedi e viste dunque le difficoltà incontrate in precedenti servizi di pedinamento, hanno avuto l’idea di travestirsi da ciclisti e percorrere l’area come comuni utenti.

Sabato pomeriggio, grazie allo stratagemma adottato, i militari riescono a controllare i movimenti di due extracomunitari presenti nella zona d’interesse.

Poiché l’area è coperta da una folta vegetazione, onde evitare di perdere di vista i due soggetti, i militari sono intervenuti immediatamente. Uno dei due soggetti – che di certo non si aspettava che i due ciclisti fossero carabinieri – nel tentativo di sfuggire al controllo ha sferrato una testata al Maresciallo Maurelli ma prontamente i militari sono riusciti a bloccarlo insieme al suo complice. A dare manforte ai militari operanti è anche intervenuto un carabiniere libero dal servizio che faceva jogging, il quale, vista la scena, si è precipitato a dare manforte ai colleghi.

Contestualmente al controllo dei due soggetti, nelle immediate vicinanze è stato identificato anche un giovane di 24 anni che è stato poi accertato aver acquistato poco prima quasi 3 grammi di eroina dal tunisino.

Per più approfonditi accertamenti, i due extracomunitari vengono portati in caserma, dove, nel corso della perquisizione personale ad uno di loro, identificato in Dhahbi Rahmouni, di 27 anni, gli vengono trovati 15 grammi di eroina, già suddivise in dosi, nonché la somma di euro 2.000,00, ritenuta provento di spaccio. Ogni quarto di grammo, corrispondente alla dose di una persona, sarebbe stato venduto al prezzo di 20 euro.  Per un grammo intero, dunque, 80 euro circa.

“Ancora una volta la segnalazione di cittadini del posto è stata utile e preziosa per la buona riuscita dell’operazione –  ha dichiarato stamani in conferenza stampa il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Jesi Magg. Benedetto Iurlaro – Questo è un vero caso di “sicurezza partecipata”, dove cittadini e Carabinieri cooperano nella lotta alla criminalità”.

Stante l’acclarata responsabilità, il tunisino, pregiudicato per reati contro il patrimonio, residente in Italia ma senza  fissa dimora, è stato dichiarato in arresto per spaccio e detenzione ai fini di spaccio e per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando della Stazione di Jesi in attesa del rito direttissimo, fissato per la giornata di oggi. L’arresto è stato convalidato, insieme al divieto di dimora a Chiaravalle.

Nei confronti del suo connazionale (H.D, di anni 37) , senza fissa dimora e con provvedimento di espulsione a carico, invece, è scattata la denuncia in stato di libertà per concorso in spaccio e detenzione ai fini di spaccio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.