Carabinieri, controlli antidroga in Vallesina: due arresti | Password Magazine
Festival Pergolesi

Carabinieri, controlli antidroga in Vallesina: due arresti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA  – Week-end di intensi controlli antidroga da parte dei carabinieri che hanno portato a diversi arresti in flagranza per detenzione illegale di sostanze stupefacenti. Questa notte, tramite dei servizi antidroga predisposti dalla Compagnia di Jesi, sono stati arrestati in flagranza di reato due stranieri. Il primo a Staffolo grazie all’intervento dei militari della locale Stazione Carabinieri che hanno individuato un’auto di grossa cilindrata e l’hanno controllata poiché sospetta ai loro occhi. Il veicolo, condotto da uno straniero del luogo di circa 30 anni, nascondeva nel portabagagli una busta della spesa con all’interno poco meno di 500 gr di sostanza stupefacente del tipo marijuana e altro materiale vario attinente.

IMG-20200906-WA0003

Guai anche per uno straniero 25enne di Monsano, colto dai militari dell’aliquota radiomobile di Jesi in possesso di alcune dosi di cocaina del peso complessivo lordo di circa 50 gr, ed altrettanta sostanza da taglio e materiale vario per lo spaccio oltre a delle somme di denaro suddivise tra loro. Entrambi gli arrestati risponderanno del reato di detenzione illegale di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Dopo che la Compagnia Carabinieri di Jesi per anni ha profuso molto impegno per ripristinare, nel limite del possibile, la tranquillità nei parchi del Vallato e del Ventaglio di Jesi, sta lavorando con tutti gli sforzi per contrastare il fenomeno dello spaccio tra i giovani, allo stesso modo ed in tutta la giurisdizione che racchiude decine di comuni che ospitano spacciatori e assuntori di tutte le età e che si spostano per svolgere l’attività illecita. Continueranno incessanti i servizi antidroga dalla Compagnia Carabinieri di Jesi.

1 Commento su Carabinieri, controlli antidroga in Vallesina: due arresti

  1. guarda caso sono spacciatori stranieri!!! magari anche con protezione umanitaria e reddito di cittadinanza???. bravi ha chi ha permesso che arrivassero in italia. adesso in galera e si butta la chiave!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.