Carabinieri recuperano prezioso dipinto del Goya | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Carabinieri recuperano prezioso dipinto del Goya

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – I Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale di Ancona hanno individuato e confiscato un prezioso dipinto attribuito al pittore e incisore spagnolo Francisco Goya y Lucientes. Opera che appartiene a una collezione di 16 ritratti commissionati dal re Carlo IV di Spagna al pittore nel 1789, tutti ritrovati e custoditi tra il Metropolitan di New York, il Museo nazionale di Madrid, il Louvre in Francia. All’appello mancava questo ritratto di “Personaggio seduto, di famiglia spagnola decorato con croce cavaliere di Malta e accreditato presso la corte di Spagna”, olio su tela di 100 cm. per 138, illegalmente esportato in Lussemburgo. Il suo valore, secondo consulenti tecnici ed esperti, si aggira sui 15 milioni anche se era stato venduto per un milione di euro. E la storia di questo dipinto, ora restituito alla collettività grazie all’operazione dei Carabinieri, è travagliata e si interseca con una vicenda di mafia degli anni ’80. I militari del Nucleo Tutela Patrimonio di Ancona – coordinati dal Comandante, capitano Carmelo Grasso – lo hanno rintracciato nel caveau di una banca in Lussemburgo, dove era arrivato passando per San Marino e per la Svizzera. E a illustrare i dettagli di questa indagine, classica, complessa ed efficace tanto da portare a ottenere una rogatoria internazionale per il dipinto, sono stati il vice comandante del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma Colonnello Luigi Cortellessa, il Procuratore capo di Ancona Irene Bilotta e il Capitano Carmelo Grasso. Un doppio orgoglio per l’Arma: per aver restituito il prezioso dipinto alla pubblica fruizione (ora è affidato alla Soprintendenza dei Beni culturali delle Marche che deciderà dove collocarlo) e perché l’indagine coordinata dalla Procura di Ancona – iniziata nel 2003 – si è incrociata con una vicenda di mafia su cui indagava la sezione di Polizia giudiziaria della Procura di Sciacca e in particolare il maresciallo Giuliano Guizzelli, ucciso dalla Mafia nel 1992 e medaglia d’oro dell’Arma. Grazie agli atti redatti negli anni ’90 si è potuto indirizzare le indagini del Nucleo di Ancona e accertare che già nel 1988 si trovava in Italia, nella disponibilità dell’imprenditore Tommaso Fioretti di Cupramontana il quale con l’intermediazione di alcuni associati mafiosi di Sciacca (Agrigento) cercò di venderlo a Natale L’Ala, capo della omonima famiglia mafiosa di Campobello di Mazzara (Trapani) legato alla cosca mafiosa di Cinisi (Palermo) facente capo a Gaetano Badalamenti e ucciso nel 1990. Insomma, il prezioso lavoro di indagine del maresciallo è sopravvissuto al suo attentato e se lui ha perso la vita da eroe, oggi l’Arma lo ricorda con commozione e orgoglio anche nell’occasione del ritrovamento del quadro.

Il dipinto era stato esportato clandestinamente in Lussemburgo. Di proprietà di una anziana signora ravennate (B.A.M.) nel 2007 venne ceduto dall’anziana per un milione di euro a una società con sede nella Repubblica di San Marino il cui amministratore delegato era proprio Tommaso Fioretti, imprenditore 58enne originario di Cupramontana. “Proprio l’imprenditore si era rivolto al Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Ancona per far controllare il dipinto in banca dati per verificare che lo stesso non fosse provento di furto – spiega il Capitano Grasso – un’attestazione che gli era necessaria per la cartolarizzazione dell’opera che avrebbe voluto mettere in vendita a un prezzo molto superiore di quello dell’acquisto (3 milione di euro), dichiarando che era un bene ereditato dal padre e che non era mai stato in Italia ma sempre all’estero”. I militari hanno verificato tramite la Banca Dati del Comando Tpc che in effetto il quadro non risultava rubato, ma accertavano anche che era stato in Italia: nel 1988 venne sequestrato a Roma dove era detenuto da un Cardinale incaricato del restauro. Il sequestro era scattato in seno a un procedimento penale della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sciacca in merito all’omicidio di un esponente di Cosa Nostra, Accursio Li Bassi. Per l’esportazione dall’Italia del quadro non era stata richiesta alcuna autorizzazione ai competenti uffici del Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo. Nel 1989 si perdono le tracce del dipinto, fino al 2007 quando l’anziana ravennate lo cede alla società di Fioretti. E nel 2013 scattano le indagini del Nucleo Tutela Patrimonio culturale di Ancona che con un’indagine classica hanno raccolto elementi tali da chiedere alla Procura della Repubblica l’attivazione di una rogatoria internazionale mirata al sequestro e al rimpatrio del quadro, in quanto esportato clandestinamente. “Abbiamo operato in una simbiosi unica con la Procura di Ancona in un territorio, quello marchigiano, in cui i risultati dell’attività del Nucleo si stanno ritagliando un importante ruolo di recupero dei beni culturali”, spiega il Colonnello aggiungendo un’appassionata descrizione dell’opera. “Grazie alla bella operazione dei Carabinieri – conclude il procuratore Bilotta – abbiamo emesso un provvedimento di confisca del quadro ordinando il passaggio al patrimonio statale  tramite la Soprintendenza di Ancona”.    

 di Talita Frezzi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.