Card multiuso, un progetto di mobilità sostenibile | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Card multiuso, un progetto di mobilità sostenibile

JESI – Una card verde multiuso valida per il trasporto pubblico locale e le biciclette elettriche che i cittadini potranno utilizzare nei movimenti sistematici (casa-scuola, casa-lavoro) o in quelli di intrattenimento, non escludendo in futuro anche l’integrazione con il trasporto ferroviario. È allo studio dell’Amministrazione comunale, nell’ambito del progetto Intermodal, finanziato da un programma comunitario. Una proposta operativa che sarà presentata sabato prossimo in Comune, nel corso di un seminario durante il quale sarà lanciato ufficialmente il tema della intermodalità sostenibile nella città di Jesi, aperto a tutti i soggetti economici che operano nell’ambito del settore mobilità e trasporti locali e agli operatori del settore turistico.

L’incontro sarà da apripista alla campagna informativa che da domenica a mercoledì, in occasione delle fiere di San Settimio, sarà promossa verso la cittadinanza, sia con un punto informativo presso l’ufficio turismo, sia con uno stand in piazza Ghislieri. Qui sarà distribuito materiale e tecnici saranno presenti per dare informazioni e illustrare ai cittadini i progetti che il Comune di Jesi sta mettendo in campo.

A partire dal Biciplan, le linee guida strategiche per valorizzare la ciclopedonalità nella città di Jesi, frutto anche di un confronto on line con i cittadini: nei prossimi mesi via ai lavori dei primi 5 chilometri per collegare, con piste dedicate, la zona degli impianti sportivi di via Tabano ai giardini pubblici di viale della Vittoria, fino a piazza della Repubblica. Dando in questo modo maggior respiro al sistema di bike sharing, che a Jesi si caratterizza con 21 biciclette a pedalata assistita distribuite in 4 appositi posteggi.

E poi ancora il car pooling con il sito dedicato jesi.viaggiainsieme.it per trovare un passaggio auto od offrirlo, condividendo percorsi e spese. Sullo sfondo altri due progetti: quello di parcheggi scambiatori  agli ingressi della città dove lasciar gratuitamente l’auto ed accedere il centro tramite bus-navetta e il city-logistics per l’introduzione e l’utilizzo di veicoli elettrici destinati al carico e scarico delle merci per chi deve accedere in centro.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.