Carenza di personale e liste infinite, la Cgil fa il punto sulla sanità in provincia


ANCONA – La segreteria Fp Cgil Ancona fa il punto sulla sanità di Ancona e della provincia. “Un resoconto quello del 2016 che chiude in modo negativo nonostante i proclami che fanno le istituzioni dicendo che tutto va bene” scrive Milena Montesi per il comparto sanità. E ancora: “Tremila le assunzioni annunciate dal Governatore per il biennio 2016-2017, le quali però non possono di certo interessare le stabilizzazioni poihcé si tratta di dipendenti che lavorano in Sanità da almeno dieci anni con contratto a tempo determinato. Un turn over garantito al 130% dove non si è mai capito come si possa raggiungere questa percentuale (per i lavoratori più fortunati il contratto viene rinnovato ogni 6 mesi) e se quindi si contano le teste dei dipendenti o quante volte il contratto viene rinnovato!?”. Tanti i problemi, mai risolti secondo Fp Cgil Ancona: “Niente riprese dei lavori per l’Ospedale di rete Inrca-Osimo, liste d’attesa interminabili per prenotare visite ed esami, mancanza di infermieri, fisioterapisti, logopedisti, tecnici della prevenzione e di laboratorio  su tutto il territorio da Fabriano ad Ancona. Pronti soccorso sempre più affollati anche a seguito della riconversione dei PPI in PAT che ha generato confusione e panico tra i cittadini perché informati in modo tardivo, riconversione dei piccoli ospedali in Ospedali di Comunità con letti insufficienti per la gestione delle post-acuzie, burocrazia farraginosa e lunga per richiedere ed ottenere ausili /presidi per le persone non autosufficienti.” E ancora: “Sportelli al pubblico che vengono chiusi o ridimensionati nell’orario di apertura (cup-front- office) per carenza di personale amministrativo, ma allo steso tempo vengono assunti circa venti amministrativi a tempo indeterminato dall’AV2 da destinare alla Suam (Stazione Unica Appaltante Marche) ed anche i dipendenti che non riescono a fare le ferie, non vengono garantiti le giuste ore di riposo tra un turno di lavoro e un altro, sia per la carenza di personale che per la cattiva gestione organizzativa, taglio dei fondi contrattuali 2015-2016 che mette a rischio gli accordi sottoscritti in sede decentrata riducendo il salario accessorio e quello destinato allo straordinario. Fondi che entro febbraio prossimo devono essere rideterminati, come da intesa Regione e Ooss raggiunta prima di Natale ma l’Asur non si pronuncia, nonostante l’accordo firmato”. La segreteria Fp Cgil Ancona conclude che : “A fronte di tutto questo i direttori di AAVV ricevono il premio per aver raggiunto gli obiettivi dati dall’Asur, somma lorda che un infermiere turnista percepisce in un anno. E’ facile raggiungere obiettivi trasformando in atti le determine compito che comunque ha un direttore visto il ruolo che riveste,ma se il come raggiungerli si traduce nelle criticità descritte,nessuno sarebbe fiero di aver centrato l’obiettivo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*