«Carenza personale, chiusura ambulatori di Urologia e a rischio altri servizi» - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Carenza personale, chiusura ambulatori di Urologia e a rischio altri servizi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «E mentre in Area Vasta 3 «qualcosa si muove», vedi l’arrivo dei medici militari al PS di Civitanova e anche  l’avviso pubblico per il conferimento di incarico di medico abilitato per la riduzione dei tempi di attesa dei codici verdi e bianchi nei servizi di PS dell’AV3, non è più tollerabile  l’Immobilismo della Direzione dell’AV2 di fronte alla grave carenze di organico del PS». Così il Tribunale per i Diritti del Malato: «Ma non basta – sostiene il coordinatore Pasquale Liguori – un’altra tegola si sta abbattendo sulla testa dei pazienti: la chiusura degli ambulatori di Urologia , anche qui per carenza di personale con l’ulteriore riduzione di due medici (su un organico che doveva essere di 8 medici oggi ne restano solo 4). Chiudere gli ambulatori di Urologia significa non dare ai pazienti servizi importanti in campo uro-ginecologico e andrologico. Ma attenzione, se l’organico non venisse  ripristinato saranno a rischio anche servizi più importanti come le attività uro-oncologiche (biopsie , cistoscopie) per la diagnosi dei tumori, peraltro sempre più in crescita in questa branca sanitaria».

A tal proposito, Liguori aggiunge: «Dobbiamo dar merito agli operatori di questo reparto che, nonostante la pandemia e le carenza di organico, hanno garantito sempre lo stesso numero di interventi chirurgici riuscendo a far fronte alla meglio alle lunghe liste di attesa, nonostante il taglio dei posti letto che comporta l’assurdità di dover trovare in giro per i vari reparti  un posto letto  per la degenza al paziente operato. Noi crediamo che con questa situazione dobbiamo seriamente preoccuparci per il futuro del nostro ospedale, se l’andazzo è questo rischiamo di perdere un’altra delle nostre tante eccellenze, l’Urologia, punto di riferimento anche per pazienti fuori regione e fiore all’occhiello del Carlo Urbani».

«E diciamo pure che gli altri reparti non stanno tanto meglio, la carenza di organico di medici e infermieri, il taglio dei posti letto, pesa in tutte le specialistiche ospedaliere. Considerando che Regione e ASUR ignorano i ns ripetuti appelli a intervenire,  torniamo a chiedere che il Sindaco faccia valere una volta tanto il suo ruolo di massima autorità sanitaria della città per salvaguardare le eccellenze del ns ospedale  affinché questi non diventi un ospedale generalista costringendo i nostri concittadini a rivolgersi ad altre strutture della regione o peggio ancora al privato mettendo mano alle loro tasche» .

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.