«Carenza personale e tagli posti letto, chiediamo risposte sul futuro del Carlo Urbani» | Password Magazine

Festival Pergolesi

«Carenza personale e tagli posti letto, chiediamo risposte sul futuro del Carlo Urbani»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Siamo davvero preoccupati per il futuro della nostra sanità e quando diciamo futuro non ci riferiamo ai tanti sbandierati progetti regionali di Ospedale e Casa della Comunità, che se tutto va bene si realizzeranno non prima del 2026. Ci riferiamo invece al futuro del nostro ospedale che anche durante la pandemia ha dato prova di grande efficienza e professionalità ma che se non arrivano presto risposte concrete sulla cronica carenza di personale (medici, infermieri ma a anche oss) e sui tagli dei posti letto, il Carlo Urbani non avrà un futuro degno di questo nome». A parlare è Pasquale Liguori, coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato, dopo l’annullamento della «Commissione Sanità del Comune convocata per il 17 marzo scorso» e che non si è svolta per «motivi inderogabili o organizzativi». Un tavolo con Regione, Asur e AV2 per confrontarsi «sulle problematiche del nostro ospedale – dice Liguori – . Da tempo denunciamo i 7 medici in meno al Pronto soccorso – tra un po’ potrebbero diventare 8 –  il mancato ripristino dell’organico pieno della Urologia, la Medicina che nonostante le difficoltà di non poter ricoverare pazienti in attesa al Pronto soccorso deve però distaccare il suo personale a Cingoli, il taglio dei posti letto nelle chirurgie che, dopo gli interventi eseguiti, è costretta a cercare in giro per i reparti un posto letto per la degenza dell’operato. Tutto ciò naturalmente finisce per allungare in maniera ormai intollerabili le liste di attesa costringendo i cittadini a mettere mano alle tasche per rivolgersi al privato».

Il Tribunale per i Diritti del Malato chiede risposte: «Vogliamo che la Direzione AV2 ci dica perché, diversamente da quanto avviene nelle altre aree vaste qui non si fanno avvisi pubblici per l’assunzione di medici a tempo indeterminato (sia nel 2021 che nel 2022 Asur Av5 e Av4 hanno emesso avvisi pubblici per assunzione di personale a tempo indeterminato). Un esempio a Urologia è stato sostituito un medico a tempo indeterminato e con tanta esperienza con uno specializzando a tempo determinato. Non si comprende perché nell’Av2 non si rinnovano i contratti dei precari eppure il piano triennale Asur dei fabbisogni di personale 2020/2022 prevede chiaramente che, oltre al ripristino del personale previsto come cessazione del periodo si proceda anche alla tempestiva sostituzione di un dipendente che al momento della redazione del piano non era in previsione. E tutto ciò per non creare disservizi o discontinuità nella erogazione dei servizi (peraltro tutto ciò non ad invarianza del tetto di spesa programmata). Torniamo ancora una volta a lanciare l’ennesimo appello alle forze politiche cittadine, quelle attualmente in carica ma anche a quelle che si accingono a candidarsi, alle organizzazioni sindacali affinché si facciano parte attiva verso la direzione Asur per la copertura delle posizioni vacanti. Il rischio forte è che si chiudano servizi e peggio ancora si finisca per far si che le nostri migliori professionalità vadano via in quanto ad esse non vengono garantiti spazi operativi, risorse umane e rinnovo tecnologico»..

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.