Caritas, da lunedì 8 maggio mensa anche a cena ma c'è bisogno di nuovi volontari | | Password Magazine

Caritas, da lunedì 8 maggio mensa anche a cena ma c’è bisogno di nuovi volontari

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Fondazione centro serviziPadre Oscar”, che è il braccio operativo della Caritas diocesana, si avvia alla completa operatività per quanto attiene l’erogazione dei pasti nel nuovissimo complesso di viale Papa Giovanni XXIII.

“Da lunedì 8 maggio sarà disponibile la mensa anche per la cena, dalle 19.00”.

Il direttore della Caritas nonché presidente della Fondazione, Marco D’Aurizio, è riuscito a chiudere il cerchio in collaborazione con i volontari che operavano da tanto tempo alla parrocchia di San Francesco di Paola – e che da alcuni giorni avevano interrotto il servizio della sera, per la cena, in vista del trasferimento, che era già avvenuto per la storica sede di San Giuseppe –  con la cuoca della nuova struttura, Roberta Masè, e l’operatrice Maria Sofia Rossetti.

“A pranzo – ore 12.00 -, dal 19 aprile, giornata inaugurale – sottolinea ancora D’Aurizio – abbiamo una media di 26 persone con punte che sono arrivate a 29. Presumo che a cena scenderanno a 20 perché la Casa delle Genti offre il pasto serale ma è chiusa a pranzo”.

Il lavoro nella nuova sede è in fase di assestamento “operare in spazi più ampi è comodo ma comporta anche una gestione diversa anche se le cose stanno andando bene. Ogni giorno di più”.

“Quello di cui abbiamo urgente bisogno sono nuovi volontari che si possano alternare per il servizio della mensa serale. Approfitto della circostanza per fare questo appello che divulgheremo anche in tutte le parrocchie. Chi volesse proporsi può venire qui e chiedere di Maria Sofia”.

Entro ottobre si spera anche di dare il via all’accoglienza notturna con spazi che possono ospitare sino a 16 persone, spazi suddivisi in due stanze a piano terra, mono, bi e trilocale al piano superiore.

“Il nostro è un progetto di seconda accoglienza, vale a dire, in collaborazione con Comune e Asp, cercheremo di inserire, dare una possibilità di lavoro attraverso tirocini formativi, prove presso aziende e i nostri Orto del sorriso e Recò”.

Stanze che non sono ancora completamente arredate e, nella mission, è coinvolto anche l’Ente Palio di San Floriano che destinerà parte del ricavato relativo alla lotteria di quest’anno alla Fondazione proprio per consentire l’acquisto di arredi.

Pino Nardella

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.