Caritas, Pasqua solidale: il pranzo lo offre un ristorante jesino | | Password Magazine

Caritas, Pasqua solidale: il pranzo lo offre un ristorante jesino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Aumentano di giorno in giorno in città le famiglie in difficoltà. Lo fa sapere la Caritas diocesana di Jesi, a fronte di una sempre maggiore richiesta di aiuti e servizi scaturita dall’emergenza sanitaria. Cordate di solidarietà, pasti da asporto, pacchi vivere e spesa sospesa sono solo alcune delle misure messe in atto dal Centro Servizi di via Papa Giovanni XXIII, in coordinamento con i Servizi sociali del Comune. Sono 67 le famiglie che, in questo momento difficile, acquistano generi alimentari all’emporio solidale, 12 sono stati attivate negli ultimi 10 dieci giorni. Ancora di più sono le segnalazioni di pacchi d’emergenza che Caritas ha consegnato dietro richiesta pervenuta da assistenti sociali o dal Centro di Ascolto diocesano, chiuso ora al pubblico ma comunque contattabile per urgenze via telefono.

«Sono persone che, con l’arrivo della pandemia, sono rimaste senza occupazione. Molte lavoravano nel sommerso – spiega Marco D’Aurizio, direttore Caritas di Jesi – Grazie a una rete coinvolge i nostri volontari, Croce Rossa e Croce Verde di Jesi, abbiamo creato un rete per la consegna di pacchi viveri a chi è in difficoltà». L’emporio solidale, infatti, attivo da oltre un anno negli spazi del Centro Servizi, è attualmente chiuso al pubblico ma gli utenti possono comunque contattare i volontari e inviare la propria ordinazione via mail e telefono, la spesa sarà successivamente consegnata a domicilio.  La collaborazione inoltre avviata con alcune associazioni e supermercati della città hanno anche consentito di attivare alcuni punti di raccolta di generi alimentari e servizi di «spesa sospesa». Chi vuol donare beni di prima necessità non deve fare altro che acquistarlo negli esercizi commerciali aderenti e riporlo nell’apposito carrello, in attesa del ritiro da parte dei volontari. «Anche la mensa di via Papa Giovanni XXIII resta funzionante ma con la distribuzione del pasto da asporto – continua D’Aurizio -. Aperto solo il centro d’accoglienza che comunque deve garantire il suo funzionamento per chi vive in strada».
C’è poi una sorpresa per Pasqua: «Il ristorante Dejavu di via XXIV Maggio si è offerto di preparare i pasti sia per il pranzo che per la cena – aggiunge il direttore della Caritas -. I piatti preparati saranno poi da noi consegnati agli utenti. Si sta muovendo una buna solidarietà da parte di tutti, ci vuole  solo solo po’ di organizzazione. Ora stiamo lavorando per creare un punto di raccolta e raccordo di tutti coloro che vogliono contribuire, anche attraverso il denaro. Ora c’è il problema del cibo ma tra poco ci saranno altre difficoltà come bollette e affitti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.