Caritas, pasti distribuiti all'aperto: la solidarietà più forte del virus | | Password Magazine

Caritas, pasti distribuiti all’aperto: la solidarietà più forte del virus

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Non è tempo questo di abbracci, strette di mano, contatto. Il Coronavirus non ferma però la solidarietà. Al Centro Caritas di via Papa Giovanni XXIII un pasto caldo non si nega a nessuno. E così, nonostante le misure restrittive cui anche le diocesi si sono adeguate per far fronte all’emergenza epidemica, ogni giorno i volontari della Caritas scendono in strada e, da dietro i cancelli, distribuiscono il pranzo e la cena in un cestino. Ogni utente, all’interno trova un primo, un secondo e un contorno, appena usciti dalle cucine. Quotidianamente, in via Papa Giovanni XXIII si assiste a questa catena di umanità a sostegno delle fasce più fragili della popolazione: fuori, le persone in fila che attendono il loro turno; dietro il cancello, i volontari che distribuiscono i cestini. Come la sala mensa, in via precauzionale, sono chiusi anche il centro ascolto e l’ambulatorio ma comunque contattabili via telefono per emergenze e consulenze. Resta invece aperto l’emporio, anche se con accortezza gli operatori fanno entrare solo poche persone alla volta. Il servizio, avviato un anno fa sempre nei locali del centro di via Papa Giovanni XXIII, consente al ad almeno 35 nuclei familiari e 130 utenti in città di fare la spesa con un’apposita tessera, evitando l’impiego del denaro. Qui è possibile per le persone acquistare frutta e verdura, generi alimentari, prodotti per l’igiene. L’emporio è aperto due giorni a settimana, il martedì mattina e il giovedì pomeriggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.