Caritas: «Un Natale all'insegna della solidarietà» | Password Magazine

Caritas: «Un Natale all’insegna della solidarietà».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI  – Niente pranzo di Natale alla Caritas, salterà anche il cenone di San Silvestro per evitare ogni rischio legato alla pandemia. Il covid ha cambiato le abitudini, interrotto tradizioni importanti ma non può cancellare la solidarietà e lo spirito di volontariato. Si deve all’emergenza sanitaria l’aumento della povertà con oltre 80 famiglie che ad oggi si servono dell’Emporio solidale di via Papa Giovanni XXIII per i loro acquisti e una trentina di persone che regolarmente si recano alla mensa della Caritas per ritirare l’asporto.

«Quest’anno iniziative come Natale Solidale e Natale a domicilio, in collaborazione con altre associazioni e realtà di volontariato del territorio, hanno permesso di raccogliere beni di prima necessità ma anche giocattoli per le famiglie in difficoltà – fa sapere Marco D’Aurizio, direttore Caritas di Jesi -. Continua inoltre l’attività del centro ascolto, con colloqui soprattutto telefonici, e dello sportello di Aiuto. Sta decollando inoltre l’ambulatorio medico per effettuare tamponi al personale e agli ospiti della Casa delle Genti, ogni 15 giorni».

Sono arrivati importanti donazioni: dal gruppo CE.DI.MARCHE, società cooperativa che raggruppa 84 negozi tra Marche e Abruzzo, ha effettuato una donazione di 5 mila pacchi vivere da distribuire tra le diocesi del territorio compreso tra Pescara e Pesaro. Da Lions Club è arrivato un defibrillatore mentre la Praugest ha donato 100 pacchi
alimentari all’Emporio.
«La parte più complessa – continua D’Aurizio – è accompagnare le persone a una sorta di autonomia. Grazie alle donazioni, riusciamo a donare i beni di prima necessità ma è ancora difficile, soprattutto in questo periodo di emergenza, aiutare le persone ad uscire dallo stato di povertà.  Sono uomini e donne con lavori precari, provenienti dai settori colpiti dalle misure restrittive, o operanti nel sommerso. Gente che dunque non percepisce uno stipendio, sprofondando nella povertà, con aumento del disagio psico-sociale».
Il timore della pandemia trattiene, inoltre, più volontari a casa: «Si fatica un po’ di più – conclude il direttore -. Ci auguriamo di tornare alla normalità il prima possibile. Per fortuna, in città, le istituzioni ci sono ed è attiva una bella rete di solidarietà che ci consente di agire con aiuti concreti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.