Carlo Urbani, anche l'obitorio subisce gli effetti dei tagli | | Password Magazine
Banner4Baffi

Carlo Urbani, anche l’obitorio subisce gli effetti dei tagli

JESI – «Non bastano i tagli ai posti letto attuato dalla ASUR durante il periodo delle ferie estive perché anche l’obitorio sta subendo gli effetti dei tagli». Così il Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori: «Da domenica scorsa l’apertura e la chiusura dell’obitorio nelle ore serali e nei festivi e prefestivi viene incredibilmente fatta dai parenti dei defunti che devono recarsi in portineria, ritirare le chiavi dell’obitorio e poi riportarle dopo la chiusura, Noi crediamo che abbiamo toccato il fondo della vergogna».

A proposito di salme, il Tribunale per i Diritti del Malato ha chiesto al nuovo Direttore dell’ASUR AV2 di intervenire immediatamente per dare disposizioni chiare ai reparti, in modo tale che in caso di decesso in ore notturne (non essendoci le necrofore in numero sufficiente a garantire i turni) l’unità interessata deve obbligatoriamente contattare il reperibile della Direzione affinché questo si attivi subito per individuare una figura (OS per es,) per il trasferimento della salma in obitorio: «Non si può più tollerare che un paziente deceduto resti  al fianco di un altro paziente anche per dodici ore  con tutte le conseguenze del caso».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.