Carlo Urbani, Broncopneumologia a rischio chiusura?

JESI – All’inizio di ottobre il sindaco Bacci e l’assessore Quaglieri, dopo un incontro con i vertici dell’ASUR, annunciavano la prossima nomina dei nuovi primari per Dermatologia,Ortopedia e Neurologia, oltre che un’ unità medica per la Broncopneumologia. «Al momento è stato nominato solo il direttore della Dermatologia, peraltro dopo un’assegnazione che ha fatto gridare allo scandalo, negando al Dr. Bugatti una nomina che, a nostro avviso, gli spettava per titoli e per punteggio – fa sapere, in una nota stampa, il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori –  Ora, mentre attendiamo le nomine promesse per le altre Uunità Operative, compresa quella della Medicina di Urgenza non citata nel comunicato di ottobre, ci giungono voci sempre più insistenti sulla prossima chiusura/accorpamento della Broncopneumologia».

«Per la verità i dubbi li avevamo già espressi quando, sempre il mese scorso l’ASUR annunciava l’avviso per una unità medica e non per un primariato – puntualizza Liguori – È giunto il momento che l’ASUR esca allo scoperto, dica chiaramente ai cittadini se intende mantenere l’Unità Operativa ma la nostra richiesta la giriamo anche al sindaco Bacci e all’assessore Quaglieri che, in virtù di una loro dichiarata collaborazione intrapresa con i vertici dell’ASUR , ora devono farsi parte attiva per avere rassicurazioni circa la sopravvivenza della Broncopneumologia, un reparto che ha segnato la storia della sanità jesina. I cittadini aspettano fiduciosi».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*