Carlo Urbani, Oncologia sotto organico: pazienti si rivolgono al TDM | | Password Magazine

Carlo Urbani, Oncologia sotto organico: pazienti si rivolgono al TDM

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oncologia del “Carlo Urbani”, c’è carenza di personale. Sono diverse le segnalazioni arrivate al Tribunale per i Diritti del Malato (TDM) da parte di pazienti che lamentano disagi e criticità, tra cui tempi d’attesa lunghi per visite e terapie e la mancanza di figure mediche di riferimento cui rivolgersi.

Dal 1° luglio, alla guida del reparto c’è il dott. Mobin Safi. Il nuovo primario è entrato servizio proprio durante l’estate, quando bisogna fare i conti con il piano ferie del personale. In concomitanza, l’Unità operativa ha visto anche il trasferimento di uno dei 4 oncologi, lasciando il reparto con 3 soli medici, uno in meno rispetto a come previsto dalla pianta organica.

«Ad Oncologia tutto questo non deve accadere – è il commento del coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori – Negli ultimi mesi, ci sono arrivate diverse segnalazioni da parte di pazienti che fanno terapia. Cosa sta succedendo? L’organico va ripristinato il prima possibile così come è necessario che lo psicologo per i malati torni a ricevere in reparto e non al Murri».

Qualche mese fa, infatti, al TDM giungevano segnalazioni circa l’assenza di uno psicologo ad Oncologia. Era poi intervenuto lo IOM a rassicurare sulla situazione, chiarendo che il professionista non era assente ma attivo presso il vicino Murri. Per far luce in merito l’attuale situazione in reparto, il TDM ha inviato una lettera alla direzione medica, ora nelle mani del responsabile dott. Safi: «La situazione è nuova presso l’Oncologia di Jesi – è la risposta del primario  – Con il recente trasferimento della dott.ssa Giacomini, il reparto conta un oncologo in meno. A questo si aggiunge che, al mio arrivo, era in atto il piano ferie. Per quasi quattro settimane, tra luglio e agosto, ad occuparci dei pazienti eravamo solo due medici: questo ha sicuramente provocato l’allungamento dei tempi per la visita. Ora siamo tornati in tre e l’amministrazione ospedaliera mi ha promesso che o tramite avviso di mobilità o concorso pubblico ci si attiverà per una nuova assunzione».

Sull’assenza del cosiddetto “medico di riferimento” per ogni paziente, il dott. Safi precisa: «Dal mio arrivo, si lavora in equipe: ogni settimana, facciamo un incontro per aggiornarci su tutti i casi, prendendo decisioni di gruppo su terapie e confrontandoci. In questo modo tutti i medici sono informati sulle condizioni dei pazienti». Infine, il nuovo dirigente responsabile fa sapere che da settembre tornerà in reparto anche lo psicologo per portare avanti nuovi progetti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.