"Carlo Urbani": cronopragramma in linea, fondi certi. Pronto entro l'anno

JESI – Il sindaco Massimo Bacci, il direttore generale dell’Asur Marche, Piero Ciccarelli, il presidente ed il segretario della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi Giancarlo Giacani e Rodolfo Bernardini, insieme ai consiglieri regionali Fabio Badiali, Raffaele Bucciarelli ed Enzo Giancarli hanno effettuato ieri mattina un sopralluogo al “Carlo Urbani” per verificare l’andamento dei lavori di completamento del nuovo ospedale.

Nei loro interventi, sia Ciccarelli che Badiali e Giancarli hanno confermato che il cronoprogramma dei lavori sta seguendo puntualmente il suo iter, che le risorse ci sono e che dunque entro il 31 dicembre  la nuova struttura ospedaliera sarà definitivamente ultimata. Sono state anche visionate le sale che ospiteranno il blocco operatorio. Anche in questo caso è stato riscontrato il rispetto del cronoprogramma. Alla luce di questa verifica che ha permesso di constatare che non vi sono più ostacoli temporali per terminare definitivamente il “Carlo Urbani”, presidente e segretario della Fondazione Cassa di Risparmio si sono impegnati a procedere in tempi brevi all’acquisto delle attrezzature per le sale operatorie che l’ente ha generosamente donato alla realtà sanitaria di Jesi e della Vallesina.

“Ringrazio il dott. Ciccarelli per la sua presenza e le garanzie fornite – ha dichiarato il sindaco Massimo Bacci – che ci permettono di avere la massima fiducia sul rispetto degli impegni chela Regione Marchesi era assunta in Consiglio comunale attraverso l’assessore Almerino Mezzolani. La presenza dei consiglieri regionali Badiali, Giancarli e Bucciarelli confermano d’altra parte l’attenzione dei rappresentanti del nostro territorio affinché si giunga presto al completamento del Carlo Urbani. Ho riscontrato con piacere da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi la volontà di dar corso quanto prima all’acquisto delle attrezzature per le sale operatorie che diventa un investimento strategico per dotare il Carlo Urbani di mezzi e strumenti fondamentali con cui assicurare un servizio migliore per le comunità di Jesi e della Vallesina”.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.