Carlo Urbani, il reparto di Oncologia lasciato senza psicologo | | Password Magazine

Carlo Urbani, il reparto di Oncologia lasciato senza psicologo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Da più di un mese la figura dello psicologo non è più presente presso l’Unita Operativa di Oncologia di Jesi senza che nessuno fornisse ai pazienti, ma anche agli operatori, la motivazione di tale mancanza. «Ricordiamo che lo psicologo in questione era un professionista in organico allo IOM di Jesi e forniva la sua prestazione in una stanza del reparto di Oncologia con tanto di targhetta sulla porta – fa sapere Pasquale Liguori, coordinatore del Tribunale Diritti del Malato –  E’ superfluo rimarcare che una figura del genere riveste una importanza enorme per il paziente oncologico e per i suoi familiari , rappresenta un riferimento essenziale sia nella fase di diagnosi che nel trattamento di cura della patologia oncologica. Abbiamo allora scritto alla Direzione dell’ASUR per chiedere le motivazioni per cui non è più presente e nello stesso tempo abbiamo richiesto  l’immediato ripristino di tale figura. Dalla Direzione dell’ASUR, pur senza averci fornito il motivo per cui ,dall’oggi al domani , lo psicologo non è più presente, ci è stato garantito che, entro breve tempo, tale figura tornerà ad operare presso l’Unità Operativa di Oncologia e pertanto ci sentiamo di  rassicurare i pazienti ed alle loro famiglie ,che potranno, quanto prima ,contare nuovamente sul prezioso contributo di tale professionista».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.