Carlo Urbani, il TDM: «Obitorio, la carenza di personale mette a rischio la riservatezza» | | Password Magazine

Carlo Urbani, il TDM: «Obitorio, la carenza di personale mette a rischio la riservatezza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Dopo le nostre ripetute denunce  circa la mancata copertura delle tante posizioni vacanti  di primariato e di capo sala , a cui ha fatto seguito nei giorni scorsi  anche quella della FIALS  , dobbiamo purtroppo prendere atto di un’altra carenza di personale, a nostro avviso non meno importante,  che riguarda la figura del necroforo  ( l’addetto che  deve provvedere, tra gli altri compiti, al trasporto della salma dal reparto all’obitorio)».

Così il Tribunale per i Diritti del Malato (TDM), attraverso le parole del coordinatore Pasquale Liguori: «Attualmente nel nostro ospedale operano solo due unità che non riescono quindi ad assicurare il servizio di reperibilità notturna.  Tutto ciò comporta che, se il decesso avviene di notte, la salma potrebbe restare nella Unità Operativa sino al mattino successivo, in quanto il personale di turno del reparto, per eseguire il trasporto, dovrebbero lasciarlo, con tutte le conseguenze del caso. In questo eventuale lasso di tempo in cui il paziente deceduto permane nella UO gli devono essere assicurati alcuni diritti fondamentali: deve essergli  garantita  la massima privacy e riservatezza ,deve essere portato in una stanza ad hoc, lontano da altri pazienti ricoverati ( ci risulta a tal proposito  che le UO non hanno quasi mai una stanza da dedicare a questo evento e quindi spesso si ricorre ai paraventi mobili)».
A questo aspetto se ne deve aggiungere un altro, altrettanto importante: la composizione della salma e la preparazione igienica del deceduto che ,normalmente,  deve essere eseguita dal personale OSS e dall’infermiere: «Un’attività questa ultima che va eseguita peraltro entro le prime tre ore dalla morte, prima che intervenga il “rigor mortis “, tenendo anche conto del credo religioso e dei riti culturali del defunto e dei suoi famigliari – si legge nella nota del Tribunale – Purtroppo , di recente, abbiamo ricevuto una  segnalazione sull’argomento che ci ha lasciati sgomenti; se  essa venisse confermata , stiamo attendendo la risposta dell’ASUR,  ci sarebbe da preoccuparsi seriamente per come viene gestito il paziente deceduto in ospedale  . La segnalazione pervenuta faceva riferimento alle  condizioni molto poco dignitose in cui sarebbe  stato trovato un paziente deceduto : porta aperta della camera in cui si trovava, corpo seminudo ricoperto in maniera frettolosa ,bocca aperta , viso sfigurato dagli spasmi della morte, tubicino dell’ossigeno staccato ma ancora funzionante. Ci auguriamo che la Direzione dell’ASUR faccia chiarezza presto sulla segnalazione in questione, dandogli la giusta importanza: non ci sentiamo di attribuire colpe ad alcuno né tanto meno al personale delle UO che molto spesso opera in numero insufficiente , oberato di carichi di lavoro esorbitanti , ma non si può tollerare di morire in ospedale senza dare al deceduto ed ai suoi familiari rispetto, attenzione e soprattutto quella dignità dovuta all’evento».

In merito alla segnalazione non tarda ad arrivare la replica dell’Asur:

«La Direzione di Area Vasta ha provveduto, con il tramite della Direzione Medica di Presidio, a verificare il caso denunciato dal TDM.

In particolare, presso I ‘Ospedale di Jesi a stata recentemente operata una riorganizzazione dell’attività obitoriale con il fine di rispettare le norme contrattuali dei dipendenti pubblici, con specifico riferimento ai turni di pronta disponibilità del personale del comparto.

La Direzione Medica Ospedaliera ha proceduto, dopo una dettagliata analisi delle attività obitoriali degli ultimi due anni ed il confronto con altre realtà similari regionali ed extraregionali, a rimodulare I ‘attività delle due operatrici in servizio. Dall’inizio della nuova modalità organizzativa non sono mai stati segnalati disservizi, né da parte degli operatori sanitari né da parte dei familiari dei defunti, cosa che invece avrebbe rideterminato una modifica dell’organizzazione.

Si è operato da sempre per garantire la massima privacy in un momento cosi delicato come quello di una famiglia che perde il proprio caro. Dopo il decesso, proprio per garantire la massima dignità al defunto, tutte le procedure post mortem, che devono essere compiute al letto di degenza, sono effettuate a porta chiusa.

La segnalazione a cui si fa riferimento, recentemente pervenuta alla Direzione, si riferisce ad un unico caso, accaduto nel pomeriggio del 5 giugno, ed avvenuto per l’ingresso non autorizzato nella stanza di degenza in cui il decesso era avvenuto da poco ed erano ancora in corso le procedure di accertamento della morte, precedenti a quelle di igiene e composizione della salma.

Per quanto riguarda i concorsi, I’AV2 ha attivato una task force per poter portare a compimento entro settembre, massimo ottobre, la scelta dei Responsabili delle U.O.C. (primari) di Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza, Ortopedia e Traumatologia, Pediatria, Ginecologia e Ostetricia. E’ stato inoltre pubblicato I ‘avviso per cercare un nuovo primario delta Radiodiagnostica che scade il 16 agosto».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.