Carlo Urbani, inaugurato il murales del Pronto soccorso di Jesi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Carlo Urbani, inaugurato il murales del Pronto soccorso di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oggi (24 settembre 2020) è stato inaugurato il murales del Pronto Soccorso dell’Ospedale Carlo Urbani, realizzato dagli artisti di Technicalz Studio, Federico Zenobi, Corrado Caimmi e Nicola Canarecci, sponsorizzato dalla Paradisi Srl, e con la collaborazione di Ci.Effe. Costruzioni e Caparol.
L’opera, dedicata a tutti i Medici, Infermieri, Tecnici ed Operatori Sanitari del Carlo Urbani, raffigura la Carità Celeste, reinterpretazione di un dipinto di Simon Vouet, ed è rappresentata da una donna che tiene in mano un cuore, simbolo di amore, e una piuma simbolo di amore e scienza. Fa da sfondo il monte San Vicino e il paesaggio locale, mentre nella parete sinistra è rappresentata la scritta Il Principio fondamentale della medicina è l’amore.

IMG_6914

La Dr.ssa Nadia Storti, Direttore Generale Asur Marche, ha espresso i suoi ringraziamenti, condivisi anche dal dirigente medico ospedaliero del Carlo Urbani Dr.ssa Sonia Bocelli, nei confronti degli artisti che hanno donato l’opera senza dimenticare tutti gli operatori sanitari dell’Ospedale Carlo Urbani di Jesi non solo per il lavoro svolto durante i duri mesi di pandemia ma anche per tutte le attività quotidiane. La Storti ha detto che: «E’ un momento che ci dà forza e dà forza a tutti i medici e gli operatori sanitari, per noi è un onore avere questa vostra opera d’arte. Vi ringrazio perché è un segno di apprezzamento per quello che l’ospedale ha fatto per la cittadinanza. Un grazie a voi e un sollecito a tutti gli operatori sanitari, vi auguro di continuare a lavorare come avete sempre fatto, con attenzione, professionalità e amore, siete una speranza per il nostro futuro».
Presente all’inaugurazione anche il Direttore dell’Area Vasta 2 Giovanni Guidi che si è unito ai ringraziamenti: «Il murales valorizza l’Ospedale e tutti quelli che in questo Ospedale ci credono».

L’opera è stata donata dagli artisti alla Direzione ospedaliera del Carlo Urbani

A tagliare il nastro tricolore è stata l’assessore alla Sanità Maria Luisa Quaglieri, che ha ringraziato tantissimo la Technicalz «per questo murales, e non è il primo che avete fatto per la nostra città, per la quale avete fatto tanto. Dà un’idea di un’Ospedale che infonde bellezza, serenità, amore attraverso le azioni che vengono fatte al suo interno; l’opera è piena di colore e gioia, ed è ciò che si avverte nell’Ospedale».
Il Vescovo della Diocesi di Jesi Gerardo Rocconi dà la sua benedizione leggendo l’Inno all’Amore di San Paolo e concludendo con le parole: «Parlare di amore significa parlare di qualcosa di molto concreto, significa scelta di vita. Grazie a chi ha fatto quest’opera e a chi l’ha commissionata e spero che sia un monito per tutti».

La Carità Celeste come tema del murales

Hanno concluso l’inaugurazione i ringraziamenti degli artisti, che hanno spiegato la scelta della Carità Celeste come tema del murales, che per loro rappresenta il concetto di Medicina, che si basa sull’amore per il prossimo e sul voler alleviare le sofferenze di chi soffre. «Vogliamo ringraziare tutto il personale sanitario – afferma Federico Zenobi-. Abbiamo deciso di donare quest’opera sotto il periodo del Covid, non legandola ad esso, ma come gesto di riconoscenza, di amore e di rispetto per tutto quello che fate ogni giorno; a voi tutta la nostra stima e il nostro affetto. Ringraziamo gli sponsor che hanno finanziato l’opera, in particolare lo sponsor principale Paradisi Srl, Ci.Esse. per l’impalcatura e Caparol per le vernici. L’opera è stata il risultato di una sinergia, e questo ci fa capire che se andiamo tutti nella stessa direzione con un’attitudine positiva i risultati saranno sempre ottimi».

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.