Carlo Urbani, mancano i primari: «Reparti a rischio chiusura/accorpamento» | | Password Magazine

Carlo Urbani, mancano i primari: «Reparti a rischio chiusura/accorpamento»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Abbiamo appreso con piacere dalla stampa che il Direttore Bevilacqua si sta occupando finalmente della nomina dei tanti primari che mancano all’appello nel nostro ospedale. Noi diciamo “sarebbe ora”, sperando che lui non se ne sia dimenticato qualcuno».

Così il Tribunale per i Diritti del Malato (TDM), a seguito della Commissione sanità avvenuta in Comune nei giorni precedenti: «Sono mesi che Unità Operative importanti come l’Ortopedia, la Neurologia, la Pediatria, la Ginecologia /Ostetricia, la Radiologia, il Pronto Soccorso,  la Broncopneumologia non hanno un primario – puntualizza il coordinatore del TDM Pasquale Liguori – Per l’Oncologia il facente funzione. Tutto questo ci desta grande preoccupazione, in quanto in questo marasma della nostra sanità regionale, con questo disinteresse continuato dimostrato da molti Sindaci della Vallesina che disertano la Conferenza dei Sindaci, una struttura senza direttore, può essere, in ogni momento oggetto di possibile chiusura/accorpamento. E non possiamo fare a meno di elogiare l’impegno che stanno profondendo i facenti funzione dei primari mancanti, i quali stanno permettendo alle UO di garantire il buon funzionamento del reparto anche in assenza di un responsabile. Ci auguriamo anche che la Direzione, nella scelta dei primari dei posti vacanti , tenga conto anche di questo impegno. Ci preoccupa molto poi che, a Gastroenterologia, dal mese di luglio perderà un dirigente medico, facendo cosi restare in due gli operatori dell’Unità, cosa che aggraverà ulteriormente i già lunghi tempi di attesa per una colonscopia o una gastroscopia (prenotando oggi si può avere una prenotazione che va al 2019) , tenendo presente che tali esami sono indispensabili per l’accertamento di patologie tumorali e tenendo presente che oggi gravano sulla Unità tutte le prescrizioni di esame che provengono dagli screening per il colon retto che si fanno a livello distrettuale».

E anche su questa Unità, come quella di Broncopneumologia, già si “addensano nubi minacciose” di accorpamenti con altre strutture dell’AV2 : «Ci auguriamo che tutti insieme istituzioni, associazioni e forze politiche facciano fronte unico per contrastare questa pericolosa deriva che farà perdere pezzi importanti al nostro ospedale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.