Carlo Urbani, ospedale covid free in caso di nuova pandemia? | Password Magazine
Festival Pergolesi

Carlo Urbani, ospedale covid free in caso di nuova pandemia?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Presso la sede di Jesi della Croce Rossa Italiana sono stati esposti problemi e criticità dell’ospedale Carlo Urbani Jesi in caso di ritorno di pandemia, in una conferenza di TDM (Tribunale dei Diritti del Malato), Sindacati e Comitato di Difesa dell’Ospedale.

Una delle questioni affrontate riguarda il Pronto Soccorso che è stato ed è il primo impatto di un ipotetico caso sospetto. Come spiega il coordinatore del TDM (Tribunale dei Diritti del Malato) Pasquale Liguori, il problema dell’organizzazione degli spazi del Pronto Soccorso «era già esistente da anni e durante la pandemia sono state prese scelte errate da parte dell’ASUR, come quella di portare l’OBI al quarto piano per diversificare i percorsi». Egli afferma: «Se dovesse arrivare una seconda ondata della pandemia ci dobbiamo aspettare nuovamente le tende pre-triage, perché non c’è altra possibilità. Oggi mettere in piedi e realizzare un progetto di ampliamento è impossibile».
Pasquale Liguori si sofferma anche sui problemi dell’attività di Day Surgery e sul reparto di Reumatologia dell’Ospedale di Jesi. L’attività di Day Surgery dopo la pandemia «non è ancora stata ripristinata e chi ne subisce in primo luogo sono i pazienti che non possono usufruire del servizio e vengono ricoverati in altri reparti dove non sempre ricevono l’assistenza necessaria». Per quanto riguarda il reparto di Reumatologia, «i posti letto sono inattivi e il personale è stato riconvertito in altri reparti; da ciò ne consegue che le liste di attesa per le visite sono lunghissime, e i pazienti preferiscono rivolgersi ad altre Aree Vaste».

Il problema dell’Ospedale di Jesi, secondo Patrizia Ercoli del sindacato UIL FPL, non consiste solo negli spazi: «Il problema vero è la mancanza di una vera politica di assunzioni e di un piano pandemico che tenga conto del potenziamento del territorio: i malati cronici non possono essere abbandonati a loro stessi. Abbiamo apprezzato gli sforzi dell’Area Vasta nel codificare le stabilizzazioni ma dobbiamo anche tenere conto delle cessazioni per pensionamento e del personale che si è trasferito in altre regioni». Patrizia Ercoli inoltre afferma che gli sforzi effettuati dal personale ospedaliero durante la pandemia «non sono stati riconosciuti dal punto di vista economico».

IMG_6655

Sulla questione delle assunzioni si sofferma anche il Dr. Franco Iantosca, Presidente del Comitato di Difesa dell’Ospedale di Jesi: «Il problema del Pronto Soccorso non riguarda solo gli spazi ma soprattutto le assunzioni, che si sarebbero dovute fare. Non si riesce a trovare il personale per il PS di Jesi».

Pasquale Liguori afferma che il Carlo Urbani di Jesi dovrebbe rimanere covid free, ma sono sorte delle perplessità perché il piano pandemico farebbe pensare ad altro e perché dovrebbero arrivare delle direttive dalla Regione Marche. Sul fatto di ottenere linee guida e direttive torna anche Stefania Franceschini del sindacato CISL FP ed afferma che «Oggi noi abbiamo tempi, esperienza e conoscenza della patologia che sono le basi per poter intraprendere un ragionamento nell’eventualità che si verifichi una seconda ondata».

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.