Carlo Urbani, sosta selvaggia: «Mettere un cartello non basta» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Carlo Urbani, sosta selvaggia: «Mettere un cartello non basta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Da qualche giorno è comparso in ospedale al CUP e davanti alla reception un cartello che a caratteri cubitali recita «Occhio alla sosta: parcheggiare negli appositi spazi consentiti». Il cartello in questione porta il logo del Comune di Jesi e fa riferimento esplicito ad una ordinanza che disciplina la nuova viabilità presso il Carlo Urbani. Un dettaglio che non è sfuggito al tribunale per i diritti del malato: «La prima cosa che è venuta in mente al cittadino è stata: ‘Finalmente abbiamo nuove regole per la sosta’ – spiega Pasquale Liguori, il coordinatore -. Niente di tutto questo in quanto non c’è ad oggi alcuna nuova ordinanza. Ci domandiamo allora che senso ha avuto porre questo cartello cosi ridondante facendo riferimento ad una ordinanza che ancora non c’è. Se qualcuno pensa che basti un cartello od anche un ordinanza a mettere fine alla sosta selvaggia che giornalmente riscontriamo al Carlo Urbani si è sbagliato di grosso. Sono mesi che scriviamo ad ASUR e Comune chiedendo di sederci attorno ad un tavolo per dare finalmente soluzioni efficaci alla problematica della sosta, nessuna risposta sino ad oggi. Eppure anche stamattina abbiamo dovuto prendere atto con foto che si parcheggia dappertutto,  davanti alle macchine della climatizzazione (con tutti i rischi riferibili già al recente scoppio di una caldaia), lungo le corsie riservate ai pedoni con la conseguenza che i pedoni stessi camminino per strada con tutti i rischi del caso, si parcheggia ancora sulle aree di sosta riservate ai disabili. Noi continueremo a vigilare sulla sosta al Carlo Urbani rinnovando la nostra richiesta di incontro sulla questione , ma nel frattempo chiederemo quando è il caso l’intervento della polizia locale che ci auguriamo predisponga passaggi giornalieri nell’area ospedaliera al fine di sanzionare i trasgressori».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.