Carlo Urbani sotto pressione: «Più di 40 ricoverati Covid, mancano spazi e personale» | Password Magazine

Carlo Urbani sotto pressione: «Più di 40 ricoverati Covid, mancano spazi e personale»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Carlo Urbani sempre più sotto pressione tra mancanza di infermieri e di spazi, con oltre 40 ricoverati Covid all’attivo (di cui 4 in intensiva) al netto di tutti coloro che vi sono transitati e proseguono le cure a domicilio o in strutture a minore intensità di cura.

foto (17)

Serio il rischio di un incremento significativo di afflusso di nuovi contagiati, mentre già è stata parzialmente contratta l’attività chirurgica. Si prova a rispettare il piano pandemico già inoltrato all’Asur a settembre che però è ancora parziale nell’impossibilità di portarlo a compimento per carenza di organico e perché ulteriori accorpamenti tra reparti non sono prevedibili dal momento che le aree pulite (le cosiddette aree no Covid) in questa fase epidemiologica stanno andando anch’esse a saturazione. Va aggiunto che il reclutamento del personale procede con grande difficoltà tra burocrazia e il fatto che poche unità di organico alla fine accettano le chiamate per i più svariati motivi (come il tempo di assunzione limitato o la maggiore appetibilità contrattuale di altre sedi).

Questo lo scenario illustrato al sindaco Massimo Bacci e all’assessore alla sanità Marialuisa Quaglieri dal direttore generale di Area Vasta 2, Giovanni Guidi, dalla direttrice del presidio unico Stefania Mancinelli, dal dirigente medico del presidio ospedaliero unificato Sonia Bacelli e dai responsabili delle Unità operative Roberto Campagnacci, Marco Candela, Mario Caroli, Giorgio Di Noto e Rocco Politano, oltre che da Angela Giacometti responsabile dell’area infermieristica di Area Vasta 2.

L’incontro era stato richiesto dal primo cittadino per avere un quadro della situazione e capire come le istituzioni cittadine potessero essere di supporto alla struttura sanitaria. Alla luce della situazione illustrata dai presenti, il sindaco ha comunicato che in giornata prenderà contatti con i colleghi di Senigallia e Fabriano per organizzare un incontro congiunto, anche con la presenza dei primari ospedalieri, affinché l’intera Area Vasta 2, a livello istituzionale, possa fare maggiore rete. Obiettivo anche quello di un confronto diretto con la Regione Marche e, di conseguenza, con l’Asur – nella fattispecie rispettivamente l’assessore regionale Saltamartini e la direttrice Storti – per individuare quelle soluzioni che nei cinque mesi precedenti, vale a dire dal primo picco dei contagi a quello odierno, non sono state né ricercate né attuate. 

«Nel caso di Jesi – si legge in una nota del Comune – emblematico il silenzio alla richiesta di utilizzo del terzo piano del Murri che sarebbe una straordinaria valvola di sfogo, proprio accanto al Carlo Urbani, per accogliere sia i pazienti, sia coloro che debbono restare in isolamento domiciliare e non ne hanno la possibilità. Sarebbe bastato un modesto intervento di manutenzione, accompagnato da una maggiore efficacia nel reclutamento di nuovi infermieri, e oggi sarebbe pienamente funzionante e di supporto alla crescente pressione attesa nei prossimi giorni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.