Carlo Urbani, tempi duri: 6 capisala in meno e dirigenti medici pronti a lasciare

JESI – «Abbiamo appreso con grande soddisfazione dell’iniziativa della famiglia del Dr. Carlo Urbani di mettere in discussione l’intitolazione del nostro ospedale dopo che lo stesso sta subendo tagli importanti disattendendo appieno alle aspettative ed alle promesse fatte dai vertici ASUR ai cittadini in occasione dell’inaugurazione del nuovo nosocomio jesino».

Così interviene il Tribunale per i Diritti del Malato, presieduto dal dott. Pasquale Liguori, in merito alla lettera inviata dalla famiglia di Carlo Urbani alle autorità regionali.

«Apprendiamo con piacere che finalmente anche il Sindaco “sta perdendo la pazienza” nei confronti della Direzione ASUR – si legge in una nota stampa – Oggi siamo alla scadenza dell’accorpamento “provvisorio” della BroncoPneumologia con la Medicina:  ci aspettiamo che il reparto torni ad operare in piena  autonomia con la nomina di un Primario e con l’incremento dei medici che mancano».

Sono tempi duri per nostra Sanità:  «Mancano all’appello 6 capisala in reparti critici come l’Ortopedia , tra breve la stessa  Broncopneumologia, oltre che la Medicina – continua Liguori –  nel corso dell’anno lasceranno il servizio dirigenti medici di unità importanti come la Ginecologia, l’Otorino, la Gastroenterologia. E allora noi diciamo è ora che si faccia fronte unito da parte delle forze politiche cittadine e sindacali per impedire con tutte le forze che il nostro ospedale non divenga un ospedale generalista. Sarebbe un vero peccato non mettere a frutto tutte le professionalità e le tecnologie  di cui oggi ci possiamo vantare per far si che il Carlo Urbani possa essere degno di tale nome».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*