Carlo Urbani, Tribunale Diritti del Malato: “Proposte su Pronto soccorso e viabilità”

JESI – Pronto soccorsoviabilità al centro di un progetto avanzato dal Tribunale per i Diritti del Malato e consegnato venerdì scorso ai vertici ASUR al fine di migliorare la qualità dei servizi del Carlo Urbani.
La proposta, illustrata stamattina alla stampa da Pasquale Liguori e Franco Rettaroli, consiste in un ampliamento dell’area del triage e una modifica della viabilità con un occhio di riguardo al problema dei parcheggi.

“Il Pronto soccorso cittadino non rispetta i requisiti minimi strutturali indicati nel DPR del 14 gennaio – spiega Liguori –  Ad iniziare dal triage, che andrebbe ampliato, in quanto sono tre le tipologie di pazienti (barellati, deambulanti e pediatrici) e per ognuna di loro devono necessariamente essere individuati spazi e locali adatti, specialmente per quelli affetti da malattia contagiosa, frequenti in età pediatrica. Manca poi uno spazio riservato e funzionale, sufficientemente capiente e nel pieno rispetto della privacy per i pazienti che attendono in barella, così come manca una sala per soli accompagnatori che spesso sostano nel corridoio”.

Una volta entrato nel triage con il suo codice, il paziente messo in osservazione breve assistita viene sistemato nell’Obi, un’area adiacente di attesa definizione diagnostica dove può restare fino ad un massimo di 36 ore : “L’attuale Obi, con i suoi 7 posti letto, è al limite per un Pronto soccorso che registra 30 mila accessi all’anno” puntualizza Liguori.

Secondo il progetto illustrato dal Tribunale per i Diritti del Malato, l’ampliamento del Pronto soccorso potrebbe essere possibile a costi quasi zero se venissero recuperati spazi dall’adiacente Radiologia, prevedendo la ricollocazione dell’Obi negli attuali spazi riservati agli studi delle dietiste e riservando la sala attesa per parenti e visitatori – al momento inutilizzata, secondo quanto riporta Liguori – ai pazienti del Pronto soccorso.

L’altra proposta riguarda invece la viabilità e, in particolare, la modifica del senso di marcia sulla strada di accesso al Carlo Urbani, nell’ultimo tratto di via Aldo Moro: “Attualmente questo tratto, teatro di frequenti incidenti, è a doppio senso di marcia con un pericoloso incrociarsi di auto e di ambulanze al punto di snodo con l’accesso al PS e ai parcheggi – spiega Liguori – Proponiamo, in accordo anche con il Comune di Jesi, di stabilire il senso unico a salire da via Aldo Moro, con doppia corsia per le auto e corsia riservata ai mezzi di soccorso: in questo modo i percorsi di uscita sarebbero due soltanto, uno per le auto verso via dei Colli (ingresso del vecchio Murri) e l’altro, l’attuale uscita verso la camera mortuaria, riservato ai mezzi autorizzati con permesso (dipendenti, disabili, donatori) che potranno usufruire anche di un parcheggio”.

Al fine di regolamentare al meglio la sosta all’interno dell’area ospedaliera, secondo il Tribunale del Malato è necessario, oltre che ricavare ulteriori posti auto, prevedere tre distinte aree parcheggio: quella per il personale sanitario, quella per gli utenti disabili, in trattamento sanitario continuativo e donatori, e quella per i visitatori: “Se si vuole garantire un posto per tutto bisogna prevedere, per i visitatori, una sosta a tariffa per ora e frazione di ora, come avviene nella maggior parte delle strutture ospedaliere. Questo a garanzia del rispetto del regolamento di sosta, l’Asur deve prevedere per esempio all’interno del portierato un servizio di chiamata per la rimozione dei veicoli”.

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*