Carnevale a Jesi, un mix di eventi tra tradizione e innovazione | | Password Magazine

Carnevale a Jesi, un mix di eventi tra tradizione e innovazione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un ricco format di eventi per il Carnevale 2018 nella città di Jesi per accontentare i gusti dei più piccoli e non solo.

L’associazione “Jesi si Maschera” da ormai cinque anni organizza una serie di eventi per festeggiare il Carnevale, e grazie a nuove collaborazioni, quest’anno sarà una festa ancora più grande con un nuovo evento dal titolo “Gran veglione di Carnevale” e il Carnevale dei bambini che cambia location.

L’assessora Lenti

“Per riportare a Jesi la tradizione del carnevale che si è un po’ assopita – dichiara l’assessore Paola Lenti – c’è stato bisogno di coordinamento con altre iniziative. È un atteggiamento giusto per riportare in auge questa festa e per permettere a chi già faceva delle iniziative, di portarle in evidenza e di creare rete tra le varie realtà; perché il carnevale è il momento per riscoprire le tradizioni e prendersi un po’ meno seriamente, mascherandosi e divertendosi”.

Sulla scia delle parole dell’assessore Lenti, il coordinatore dell’associazione Jesi si Maschera, Alessandrini Domenico, sottolinea l’importanza delle collaborazioni avute per la buona riuscita dell’evento e per un evento che sia il più organizzato possibile. Gli eventi organizzati dell’associazione Jesi si Maschera sono in collaborazione con Jesi Graffiti e il comune di Jesi e coinvolgeranno il centro storico jesino dal 8 al 13 febbraio, con un ritorno alle origini che vede ripresentato il corteo in maschera lungo Corso Matteotti. Si partirà domani con il laboratorio di Carnevale dedicato ai più piccoli a Palazzo dei Convegni, durante il quale verrà proposta una merenda a base di castagnole offerte dalla Pasticceria Zoppi.

Venerdì 9 febbraio, la stessa location cambierà forma e si trasformerà in una mostra delle maschere ideate dalla famosa jesina Giusi Bellagamba: l’esposizione durerà fino a martedì, giorno di chiusura della rassegna carnevalesca.

Sabato 10 febbraio ci sarà il corteo in maschera: si partirà alle 16:30 dall’Arco Clementino con destinazione Piazza della Repubblica, lì il corteo verrà accolto dall’associazione Marche ‘800 pronta ad intrattenere il pubblico attraverso i balli caratteristici di alcuni secoli fa. Piazza della Repubblica verrà anch’essa “mascherata” già da sabato mattina, fino a martedì 13 febbraio: luna Park, giochi gonfiabili, bancarelle a tema e non solo.

Sabato sera, grazie alla collaborazione con la Fondazione Lanari, ci si sposterà a Palazzo Carotti Honorati per il Gran Galà del ‘700, un originale evento in cui una particolare cena settecentesca sarà arricchita da concerti e balli barocchi (vestiti a tema noleggiabili in diversi punti tra cui il Teatro Pergolesi grazie alla Fondazione Pergolesi Spontini).

Domenica 11 febbraio, ulteriore animazione a cura di Filodiffusione, con la presenza di Maurizio Socci, intratterrà grandi e piccoli nella piazza centrale di Jesi arricchendo ancora di più un quadro già di per sè animato.

Infine, durante il pomeriggio del martedì di Carnevale, le animatrici “Cioccolata & Caramella” organizzeranno in Piazza della Repubblica diversi giochi per far divertire i più piccoli nel giorno di Carnevale tipicamente dedicato a loro.

Ma se fuori il tempo è un po’ incerto, e le temperature iniziano a scendere, per i più piccoli il martedi di Carnevale si potrà festeggiare anche al coperto, grazie all’evento “Il Carnevale dei Bambini” che animerà il Polivalente, sito sotto il Circolo Cittadino jesino. Marcello Liuti, organizzatore dell’evento, è entusiasta della location e crede molto nella collaborazione nata con il Circolo cittadino – “quando si fa rete tra le varie associazioni ed enti escono fuori delle belle idee e progetti, e per il 65° anno del carnevale dei bambini abbiamo voluto sfruttare un luogo che avevamo sempre visto, ma mai guardato veramente; sarà sicuramente una location che sfrutteremo anche in futuro”.

E per i più grandi, sabato 10 febbraio dalle 22, ci sarà il “Gran Veglione di Carnevale” con maschere e musiche tipiche degli anni ’50, ’60, ’70, ’80 nelle sale del Circolo Cittadino. “Per un carnevale particolare ed alternativo – commenta l’organizzatore Bernacchia Giorgio – con allestimenti d’epoca, in tutte e due le sale del Circolo, e musica dal vivo per rivivere una serata come si faceva una volta!”. L’entrata sarà di 10 euro con consumazione, e durante la serata ci sarà anche una premiazione per le due maschere più belle e per il gruppo più numeroso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.