Cartellonistica sui marciapiedi: un regolamento per la sicurezza dei pedoni

JESI – Cartelloni pubblicitari e lavagne esposti davanti ai negozi, occupando  marciapiedi, o altri spazi sul suolo pubblico, possono procurare pericolosità ai cittadini che usufruiscono di queste superfici.

Il consigliere comunale di Insieme Civico Marco Giampaoletti ha depositato un’interpellanza da discutere al prossimo Consiglio comunale per far chiarezza sul regolamento del piano per l’ornato pubblico della città di Jesi: «Questo riguarda solamente il settore bacheche le quali possono essere esposte quelle informative dall’Amministrazione comunale, partiti, Enti pubblici, associazioni farmacie cinematografi e teatri e quelle commerciali da agenzie immobiliare e turistiche con spazi prestabiliti dall’Autorità comunale, ristoranti, trattorie e simili solamente per turni, servizi e menu esclusivamente nella propria sede con misure già prestabilite –  si legge nell’interpellanza – Visto che attualmente ci sono delle attività che espongono i loro prodotti come giochi, cartelli, lavagne, tavoli, cesti girevoli, piante, scatole ecc. appoggiati sul marciapiede a terra, sul muro, pareti, vele pubblicitarie, sia nelle vie del centro che nelle vie periferiche delle città; che i controlli da parte dell’ufficio competente vengono eseguiti di iniziativa con il programma di controllo costante e che anche le Associazioni di categoria vorrebbero condividere delle soluzioni, si richiede a questa Amministrazione se è vero che è allo studio una revisione del regolamento comunale dell’ornato pubblico oppure un nuovo regolamento, e se è vero che verrà inserita la possibilità per le attività che ne faranno richiesta  l’esposizione dei propri servizi, tramite appoggi o espositori posizionati sulle soglie della vetrina di proprietà (ben ancorati) senza occupare marciapiedi o passaggi pubblici in modo da salvaguardare i pedoni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*