«Casa AVIS», la nuova sede grazie alla donazione del 92enne jesino Mario Duca | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Casa AVIS», la nuova sede grazie alla donazione del 92enne jesino Mario Duca

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Casa AVIS», la nuova sede AVIS verrà aperta grazie all’importante donazione di un benefattore, il sig. Mario Duca.

La nuova sede dell’AVIS, che verrà chiamata Casa AVIS, al civico cinque di via Guerri, è stata acquistata quasi totalmente grazie alla donazione avvenuta in giugno del signor Mario Duca, pensionato jesino di 92 anni; la parte rimanente dell’acquisto, le spese di ristrutturazione e gli arredi saranno invece coperti dalle donazioni che sono state fatte nel corso degli anni, tra cui quelle di Malvina Pastori Ciardi ed Elvira Rosi. Il cambiamento della sede dell’associazione è stato sempre uno degli obiettivi dei vari direttivi che si sono succeduti negli anni, poiché la storica sede di Via dell’Asilo da tempo non rispondeva in maniera adeguata alle esigenze dei soci e dei donatori: per problemi di natura economica, però, l’AVIS non era mai riuscita a perseguire l’obiettivo. «Da sola l’AVIS non ce l’avrebbe mai fatta a realizzare il suo sogno – afferma la presidente AVIS Oriana Capitani – Poi, come in un racconto a lieto fine, nel giugno 2021 abbiamo ricevuto l’inaspettata visita del signor Mario Duca, che ha espresso la volontà di donarci una cospicua somma di denaro proprio per acquistare un nuovo immobile da destinare a sede AVIS. Grazie al nostro benefattore e alla sua donazione, il 1 settembre di quest’anno l’AVIS è diventata proprietaria di uno stabile sito in via Guerri 5».

casa avis
L’edificio che accoglierà Casa Avis

Il signor Duca ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a donare un’ingente somma di denaro all’AVIS: «Più volte ho avuto bisogno dell’Avis per motivi di salute, mi sta molto a cuore quest’associazione». Un regalo insomma con cui il 92enne jesino intende dimostrare tutta la sua riconoscenza nei confronti di una realtà che ogni giorno aiuta molte persone. E per ringraziare il suo benefattore, l’AVIS Jesi farà erigere una scultura in suo onore, che verrà creata dallo scultore Massimo Ippoliti: un busto in marmo bianco raffigurante il signor Duca. «Mi piace ricordare le parole che il signor Mario ci ha detto al momento della donazione davanti al notaio: ‘Spero di aver fatto un grande regalo all’AVIS, ai donatori e a Jesi tutta – spiega la presidente Oriana Capitani – queste parole ci hanno guidato per immaginare la nuova sede, una struttura grande e aperta alla città e al territorio, per questo la chiameremo Casa AVIS. Ringrazio il sig. Mario Duca che ha reso possibile questo nostro sogno. L’AVIS e la città non si dimenticheranno di lui facilmente». La struttura è su due piani e comprende un ampio parcheggio e un giardino, risulterà comoda per i donatori e sarà loro facile usufruirne; come spiega la presidente, verranno proposte iniziative per incentivare il numero di donatori attivi e gli spazi potranno essere utilizzati anche da altre onlus.

 

A cura di Chiara Petrucci

 

Banner-Montecappone
Montecappone

1 Commento su «Casa AVIS», la nuova sede grazie alla donazione del 92enne jesino Mario Duca

  1. Mario Duca, il benefattore di Casa AVIS, ha fatto una vita lavorando sempre, prima in Manifattura Tabacchi a Chiaravalle e, nel tempo libero e dopo la sua pensione, ha lavorato sempre come un mulo la sua terra, insieme al fratello e vendevano i loro prodotti in piazza, al mercato delle erbe !!!
    Giusto riconoscere la sua cospicua donazione, perché sono tutti denari veramente sudati eccome!!!
    Io, come ex dipendente della MT di C, valle, mi sento in dovere di ringraziarlo per il nobile e, lauto gesto che ha fatto.
    Grazie a lui, i cittadini di Jesi, della Vallesina e per tutte le persone che hanno necessità di una donazione di sangue, non finirò mai di ringraziarlo per il suo nobile e lauto gesto.
    Milvia Bezzeccheri.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.