Casa della salute e ospedale di comunità, investiti 7 milioni e mezzo | Password Magazine

Festival Pergolesi

Casa della salute e ospedale di comunità, investiti 7 milioni e mezzo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono stati presentati dall’assessore regionale alla sanità Filippo Saltamartini i nuovi investimenti per la realizzazione di strutture sanitarie su Jesi e Vallesina. Entro il 2026, data in cui l’Unione Europea darà l’ultima tranche del finanziamento a livello nazionale, saranno attivi a Jesi un Ospedale di Comunità e una Casa della Salute. L’entità dei fondi stanziati assomma a 7milioni e mezzo di euro.

«L’ospedale di comunità – spiega la dottoressa Nadia Storti, direttrice generale dell’Asur Marche – sarà destinato a soggetti anziani che hanno bisogno di un’assistenza da medicina generale e che non possono ricevere a casa cure di questo tipo».
Oltre all’ospedale di comunità  sarà costruita ex novo anche una Casa della salute. La struttura, che sorgerà in prossimità del parcheggio dell’ospedale jesino, prevede la presenza di medici e pediatri ventiquattr’ore su ventiquattro. Entrambi gli interventi sono finalizzati a gestire le cure intermedie, affinché gli ospedali per acuti non vengano sovraccaricati. «Le cure intermedie non sono letti di serie b e i codici bianchi possono essere dirottati nella casa di comunità», sottolinea Storti.
Nel progetto anche la realizzazione, all’interno dell’ex ospedale Murri, di una centrale operativa territoriale, uno snodo informatico e sociale che permetterà di fare rete tra ospedale e territorio, accompagnando la popolazione nelle cure quotidiane come visite specialistiche, richieste di ricoveri, di sacche di alimentazione per flebo o di pannoloni.
«Si tratta di un meccanismo potente per assicurare l’appropriatezza sia delle cure intermedie che di quelle per acuti –  sottolinea l’assessore Saltamartini – Un progetto di questo tipo raggiunge un ampio bacino di territorio, più di 150mila persone stimate».

Asur
L’assessore ha sottolineato il merito del personale sanitario dell’ospedale di Jesi: «Durante la pandemia la città è stata una roccaforte fondamentale per la cura del Covid, senza trascurare le altre patologie. Lo dobbiamo anche alla serietà e professionalità di medici, infermieri e operatori». Tuttavia resta ancora aperta la questione del personale che sarà impiegato nelle due nuove strutture: «È in corso la contrattazione collettiva per il rinnovo del contratto dei medici di medicina generale e dei pediatri. Un’idea è quella di passare metà del servizio dall’ambulatorio alla casa di comunità. Per favorire il turnover stiamo inoltre chiedendo di aumentare le borse di specializzazione e di eliminare il numero chiuso per accedere alla facoltà di Medicina».

20220225_113054
Entusiasta dei fondi stanziati anche l’assessora alla Sanità del Comune di Jesi Marialuisa Quaglieri: «Oggi è un giorno felice, alle parole sono seguiti i fatti. È un grandissimo progetto dato alla nostra comunità. Non darà solo posti letti, ma costituirà anche un centro operativo-territoriale per la presa in carico del paziente». Si mostra d’accordo il sindaco Massimo Bacci, che insiste sulla piena collaborazione tra le istituzioni: «L’Asur è diventato un modello, lo dobbiamo anche alla collaborazione tra tutti i comuni».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.