"Caso Cantarini", il tribunale accoglie la richiesta della Jesina Calcio | | Password Magazine

“Caso Cantarini”, il tribunale accoglie la richiesta della Jesina Calcio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  La Jesina, pienamente soddisfatta dall’esito dell’udienza, avrebbe preferito evitare di tornare su una questione che non ha motivo di essere alimentata. Di fronte però al nuovo comunicato del sig. Cantarini la Jesina Calcio rilascia questa dichiarazione ufficiale:

“Il giudice di Ancona ha esattamente condiviso la posizione della Jesina Calcio, già per altro nota perché resa pubblica da tempo: le carte sono sempre state  sempre resteranno a disposizione di tutti i soci, ma – per ragioni di privacy – non possono essere consegnate copie a terzi privi di qualsivoglia delega.

Per questo il giudice, di fronte a quanto sostenuto dalla società, ha ufficialmente chiesto al signor Cantarini di comunicare espressamente il nome del suo delegato. Il sig. Cantarini ha così comunicato al giudice di incaricare l’avv. Basso e il dott. Basile che, pertanto, vincolati da obblighi di riservatezza correlati alla deontologia professionale, potranno in qualsiasi momento chiedere alla Jesina Calcio, in nome e per conto del sig. Cantarini, i documenti di cui estrarre copia.

Per contro, nessun estraneo, come inizialmente richiesto dal sig. Cantarini, potrà invece accedere in sede per richiedere tali atti.

Per quanto riguarda il discorso conciliativo, avendo il giudice accolto la richiesta della Jesina Calcio, la società non ha ovviamente nulla in contrario”.

Al centro della disputa finita in Tribunale, la presa di posizione del socio di minoranza Mauro Cantarini, che attraverso il suo legale Enrico Basso aveva chiesto di far esaminare i documenti contabili della Jesina Calcio non ottenendo risultato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.