Astralmusic

“Caso Cantarini”, la Jesina annuncia che resisterà in giudizio

JESI – Dopo la presa di posizione del socio Mauro Cantarini, che attraverso il suo legale Enrico Basso aveva chiesto di far esaminare i documenti contabili della Jesina Calcio non ottenendo risultato, con la conseguenza di un ricorso urgente al Tribunale dorico, che ha fissato l’udienza per il 19 luglio prossimo, arriva la risposta della Jesina Calcio.

“Come già detto più volte, i libri contabili sono stati e sempre saranno a disposizione dei soci, compreso il sig. Cantarini – recita la nota della Società del presidente Marco Polita – . I professionisti da lui incaricati li hanno visionati ed anzi hanno ringraziato segretario e presidente per la piena disponibilità al termine della loro consultazione.

Successivamente hanno chiesto di estrarre copie delegando, a loro volta, una terza persona. Prescindendo dal fatto che si era già in assenza di una esplicita procura notarile, la richiesta di delegare addirittura una terza persona estranea alla Società e ai suddetti professionisti è apparsa alquanto bizzarra e alla stessa non poteva essere prestata adesione, anche per legittime ragioni di privacy.

In ragione di tutto ciò e preso atto del ricorso presentato dal sig. Cantarini, nel ribadire che la trasparenza è un valore imprescindibile per questa Società i cui bilanci ed i verbali di assemblea straordinaria sono peraltro depositati presso la Camera di Commercio di Ancona e dunque disponibili a chiunque, la Jesina Calcio dichiara che resisterà in giudizio”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*