Castelbellino Arte, Paolo Gubinelli e il ricordo di Sandrino Franconi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino Arte, Paolo Gubinelli e il ricordo di Sandrino Franconi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Un poeta della pittura, capace di trasformare la carta, così delicata e flessibile, in un “medium” che gli permette di esprimere la sua creatività ai massimi livelli. Così il critico d’arte Claudio Strinati definisce l’artista Paolo Gubinelli, protagonista della 25^ edizione  di “Castelbellino Arte”, il festival di cultura, musica e cinema organizzata e promossa dal Comune di Castelbellino in collaborazione con la Pro loco,  in programma dal 18 luglio al 9 agosto nel centro storico.

Saranno due le mostre dedicate all’artista, noto per i suoi lavori singolarmente affascinanti nel panorama artistico contemporaneo tanto da essere esposti in permanenza nei maggiori musei in Italia e all’estero.

Una prima sarà ospitata nei locali del museo di Villa Coppetti e riguarderà le opere inedite su carta, ceramica, plexiglass, polistirolo e vetro.

La seconda, invece, allestita all’interno del Palazzo Comunale proporrà una serie di “fogli incisi” che l’artista ha voluto generosamente donare a Castelbellino.

“La comunità “si arricchisce” di quanto quest’anno si espone – fa sapere il vicesindaco e assessore alla Cultura di Castelbellino Massimo Costarelli – Paolo Gubinelli dona al Comune una selezione di 17 opere su carta e colorati in polvere che troveranno permanente collocazione in un ambiente della sede municipale, destinato a diventare “Sala Gubinelli”. Uno spazio, dunque, dove chi vorrà potrà per sempre vivere e rivivere le emozioni trasmesse da quel mondo che il critico Mario Luzi definì “l’avvento … del colore sulla carta lavorata da piegature e incisioni”.

L’interesse per la “carta” nasce nel Gubinelli dopo le sue esperienze pittoriche su tela, con materiali e metodi non tradizionali. Nella più recente esperienza artistica, esegue lavori su carta trasparente e sostituisce il segno geometrico con un’espressione più libera, utilizzando pastelli colorati e incisioni appena avvertibili, “quasi a richiamare il moto imprevedibile della coscienza – dice il critico Strinati – in un’interpretazione tutta lirico e musicale”.

E sui colori di Gubinelli torna anche il critico Fabrizio d’Amico: “Un colore trasparente, acquoreo, come  incerto e di sé dubbioso, quasi non sappia fino in fondo la misura di quanto quel colore sarà chiamato a incaricarsi, nella nuova pagina pittorica che esso contribuisce a fondare”.

Era il 2009 quando l’artista, originario di Matelica ma residente a Firenze, arrivò per la prima volta a Castelbellino per prender parte ad un appuntamento della rassegna “Incisori Marchigiani”. Si innamorò subito di quel “castello in aria” e della sua graziosità e promise che un giorno avrebbe  partecipato anche lui ad una delle numerose iniziative culturali promosse nell’antico borgo ghibellino (si auto-invitò!) e avrebbe trovato un modo per ringraziare la comunità per l’ospitalità.

Nell’anno del primo quarto di secolo di “Castelbellino Arte”, Paolo Gubinelli torna a Castelbellino e lo fa portando con sé il dono di una mostra permanente. Malauguratamente, però, ad aspettarlo non ci sarà più il caro Sandro Franconi, il padre, l’ideatore e l’instancabile organizzatore della rassegna, venuto improvvisamente a mancare un anno e mezzo fa. Sarà questa la seconda edizione senza Sandrino: il suo ricordo resterà vivo nei cuori di chi godrà delle giornate della rassegna e sarà richiamato attraverso una delle tante iniziative previste. È infatti a lui dedicata la rassegna cinematografica pensata per la 23^ edizione di “Cinema in Terrazza”, cinque appuntamenti con la pellicola d’autore che quest’anno omaggerà Emilio Cecchi.

Di questo si parlerà al  convegno di apertura di sabato prossimo, alle ore 18.00, presso gli spazi del Teatro B. Gigli,  legato al ciclo “Castelbellino e la cinematografia del 900”, a cura del prof. Gualtiero De Santi.

Seguirà la proiezione, alle ore 19.30, della pellicola “Tragica Notte” e il successivo concerto del quartetto di sassofoni ALEA  che, a partire dalle 21.30, intratterrà i presenti con un momento in musica, presso la Chiesa di San Marco, fino al termine della serata. Nel quartetto: Gianpaolo Antongirolami (sassofono soprano), Roberto Micarelli (sassofono contralto), Luca Mora (sassofono tenore), Gabriele Giampaoletti (sassofono baritono).

Le mostre di Paolo Gubinelli saranno invece inaugurate domenica, alle 18.00, con il doppio taglio a Villa Coppetti e al Palazzo comunale. La presentazione critica sarà a cura di Fabrizio d’Amico. La serata si concluderà con la musica de l’Opus 1 Jazz Big Band, primo appuntamento del ciclo “Castelbellino Arte Jazz” a partire dalle 21.30, piazza San Marco.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.