Castelbellino Arte: sabato, appuntamento con la filosofia

Sabato 28 luglio alle ore 18,00, presso la Loggia Rinascimentale, “Castelbellino Arte” incontra, come ogni anno, la docente di filosofia Laura Cavasassi. La conferenza di quest’anno avrà il titolo “Crisi delle certezze nella filosofia tedesca della prima metà del ‘900”.

A seguire, alle ore 21,30 presso la Terrazza M. Camerini, verrà proiettato il film “La caduta degli dei” (1969), per la sceneggiatura di N. Badalucco, E. Medioli e L. Visconti, interpretato da Helmut Berger, Umberto Orsini e Ingrid Thulin e diretto da Luchino Visconti.

La caduta degli dei è un potente affresco della Germania all’avvento del nazismo, in cui la tragedia di una famiglia, divorata dalla sete di potere e dal sangue, simboleggia ed esemplifica la dissoluzione della società. La “caduta” è quindi lo sfacelo di una società che non distingue più il bene dal male. Il film identifica nella trasgressione morale – sia essa pedofilia, omosessualità o incesto – il più vistoso decadimento dei valori, tipico di un momento di un disordine più vasto in atto. Martin (uno splendido Helmut Berger) è il simbolo di questa complessa ambiguità, in cui si rispecchia l’incertezza del periodo e in cui innocenza e perversione si fondono inestricabilmente. La sua sensualità vive su più livelli: aperto ad ogni forma di sesso, è attratto fisicamente dalla madre e nel frattempo ama rifugiarsi nell’innocenza delle bambine, senza per questo celare il proprio polimorfismo, come nella celeberrima scena in cui interpreta L’angelo azzurro nei panni di Marlene Dietrich.

Come è proprio del cinema di Visconti, la ricostruzione è accuratissima e notevole è la recitazione degli attori, tutti di eccellente bravura.

“Castelbellino Arte”, arrivata alla sua XXII edizione, è l’annuale rassegna organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Castelbellino, dalla Fondazione Centro Sperimentale
di Cinematografia – Cineteca Nazionale, dalla Compagnia dell’Arco e dalla Pro Loco di Castelbellino, sotto la regia del direttore artistico Sandro Franconi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*