Castelbellino, Consiglio comunale ai voti su discarica | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino, Consiglio comunale ai voti su discarica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Nella seduta del Consiglio Comunale di Castelbellino di lunedì 30 marzo, la maggioranza consiliare di Uniti per Castelbellino Andrea Cesaroni Sindaco, ha presentato e posto in votazione  la questione ampliamento discarica “La Cornacchia”. Dopo un lungo dibattito,  il gruppo proponente, Uniti per Castelbellino, e la consigliera Silvia Bisceglia, del gruppo “Castelbellino di Tutti per Tutti” – con astensione dei consiglieri del gruppo Torre Civica – hanno votato a favore della revisione delle dimensioni progettuali dell’ampliamento della discarica, attualmente in fase autorizzatoria presso la Provincia di Ancona tramite procedura di VIA-VAS-AIA, nel senso della drastica riduzione della volumetria abbancabile, prendendo come riferimento il termine ultimo di attività nel biennio 2020-2022.

Le forze politiche di maggioranza hanno altresì espresso la volontà di concordare con le comunità limitrofe, con i Consigli Comunali della Vallesina, con l’organismo di controllo di Cis, socio di maggioranza Sogenus, e con la Sogenus stessa, un “percorso progettuale di fine vita e di accompagnamento alla gestione post mortem” dell’impianto. Tale percorso dovrà coniugare l’esigenza delle comunità locali di veder rispettato l’impegno del termine attività assunto dalle istituzioni locali, con le esigenze produttive residuali dell’impianto, con le necessità di adeguamento dei bilanci societari della società Sogenus Spa e delle società e degli enti soci e con la salvaguardia del posto di lavoro per gli attuali dipendenti.

 

“ORDINE DEL GIORNO SULL’AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA “CORNACCHIA” DI MAIOLATI SPONTINI “

Premesso che:

– a luglio 2013 il Comune di Maiolati Spontini presentava in Provincia il progetto di “Completamento dell’ampliamento del IV stralcio della discarica La Cornacchia”. Il progetto prevedeva un ampliamento al 100% per i rifiuti speciali. Il Comune di Castelbellino presentava, su tale progetto, alcune prime osservazioni, che comprendevano il collocamento di una centralina di rilevamento di inquinanti e il superamento del problema viario presente all’uscita della superstrada;
– Il progetto veniva sottoposto a verifica da parte della Provincia e dell’Arpam e dichiarato non conforme agli strumenti di pianificazione vigenti e pertanto respinto per una serie di motivi tra cui: la mancanza della sussistenza di pubblico interesse, la disponibilità impiantistica attuale regionale per i rifiuti speciali che risulta essere superiore ai fabbisogni stimati e il fatto che gli eventuali ampliamenti devono, comunque, essere dotati di adeguato e integrato impianto di recupero;
– A marzo 2014 il Comune di Maiolati Spontini ripresentava un nuovo progetto inserendo una serie di modifiche tra le quali anche lo smaltimento di un 20% di rifiuti RSU al fine di dare una valenza di pubblica utilità al progetto stesso, giustificandolo attraverso un’ipotetica efficacia in caso di impossibilità di ricezione dell’impianto di Corinaldo (unico autorizzato per gli RSU);
– La Provincia sospendeva l’iter procedurale anche a quest’ultimo progetto, chiedendo chiarimenti e facendo intervenire anche l’ASUR;
– Il progetto prevede un ampliamento a sud dell’attuale dislocazione su un’area di 15 ettari per un – volume di circa 1.500.000 metri cubi pari a circa 14 anni di attività (circa 100.000 t/a);
– In data 02 febbraio 2015 con Delibera n 34 la Giunta Regionale approvava il nuovo Piano Regionale dei Rifiuti che contiene una serie di criteri che regolamentano la gestione dei rifiuti in genere e quelli speciali in particolare, tra i quali: riduzione della produzione, massimizzazione dell’invio a recupero e riutilizzo dei rifiuti al fine di diminuire il ricorso allo smaltimento in discarica che viene stimato tra 95.000 e 140.000 t/a in base al perdurare della crisi economica. Vengono inoltre individuati fattori di pressione comunali, intercomunali e provinciali oltre che distanze da centri abitati e da luoghi sensibili (scuole ecc);
– Nel nuovo Piano Regionale dei Rifiuti la discarica di Maiolati Spontini è classificata “in esaurimento”;
– Il Comune di Castelbellino, forte dei criteri inseriti nel nuovo piano regionale dei rifiuti, non avendo notizie in merito all’evolversi della procedura, chiedeva una conferenza dei servizi nella quale presentare le proprie osservazioni tra cui quella di tenere conto dei criteri individuati dal nuovo piano approvato dalla Giunta Regionale.
– La conferenza veniva indetta con il solo riferimento alle osservazioni fatte dal Comune di Castelbellino al primo progetto;
– In sede di conferenza il Sindaco del Comune di Castelbellino contestava il fatto che la discussione non interessasse l’intero progetto, ottenendo dalla Provincia l’impegno a convocare un’ulteriore conferenza dei servizi in sede di procedura AIA in modo da dare al Comune di Castelbellino la possibilità di portare, in quella sede, le proprie osservazioni e le relative proposte;

Considerata la rilevanza complessiva dell’intervento e dei relativi impatti socio-economici, ambientali e politico-istituzionali, il Comune di Castelbellino intende portare all’attenzione pubblica delle istituzioni locali e della cittadinanza il progetto di “Completamento dell’ampliamento del 4° stralcio della discarica Cornacchia di Maiolati Spontini” proposto dal Comune di Maiolati Spontini, attualmente in corso di autorizzazione presso la Provincia di Ancona, affinché venga rivisto alla luce dei piani provinciali e regionali per la gestione dei rifiuti, sia di quelli approvati che di quelli in itinere;
Tenuto conto della contestuale percezione pubblica delle comunità limitrofe in merito ad un impianto che svolge la sua funzione pubblica ed industriale da 27 anni, e che, se verrà approvato l’ampliamento, svolgerà la sua funzione per altri 2 anni per il IV stralcio già autorizzato, ed altri 15 anni (almeno) per il progetto di ampliamento in itinere autorizzativo, con un esercizio complessivo che si protrarrà almeno fino al 2031;
Constatato che, come affermato dal Comune di Maiolati Spontini, Ente proponente, l’impianto in oggetto si trasformerà da impianto di pubblica utilità ad impianto di interesse pubblico ed economico in quanto non tratterà più gli RSU ma i rifiuti speciali;
Precisato che l’iniziativa politica del Consiglio Comunale di Castelbellino si rende necessaria in virtù del fatto che, nonostante dalla approvazione del progetto definitivo in questione, da parte del Consiglio Comunale di Maiolati Spontini, sia trascorso più di un anno, non è mai stato attivato un percorso politico-amministrativo di informazione e condivisione con le istituzione locali e le comunità cittadine limitrofe, ritenuto, invece, propedeutico e di basilare importanza in tutti gli iter di Valutazione di Impatto Ambientale;
Ribadito che il Comune di Castelbellino, pur essendo totalmente contrario all’ampliamento, intende superare ogni contrasto con il Comune proponente, ed a tal fine ritiene che la strada migliore consista nell’avanzare proposte conciliatorie;
C H I E D E
– di rivedere le dimensioni progettuali dell’ampliamento della discarica, attualmente in fase autorizzatoria presso la Provincia di Ancona tramite procedura di VIA-VAS-AIA, nel senso della drastica riduzione della volumetria abbancabile, prendendo come riferimento il termine ultimo di attività nel biennio 2020-2022;
– di concordare con le comunità limitrofe, con i Consigli Comunali della Vallesina, con l’organismo di controllo di Cis, socio di maggioranza Sogenus, e con la Sogenus stessa, un “percorso progettuale di fine vita e di accompagnamento alla gestione post mortem” dell’impianto. Tale percorso dovrà coniugare l’esigenza delle comunità locali di veder rispettato l’impegno del termine attività assunto dalle istituzioni locali, con le esigenze produttive residuali dell’impianto, con le necessità di adeguamento dei bilanci societari della società Sogenus Spa e delle società e degli enti soci e con la salvaguardia del posto di lavoro per gli attuali dipendenti.
La presente deliberazione sarà trasmessa a tutti i Gruppi Consiliari dei Comuni aderenti al Cis, al Comune di Jesi ed all’assemblea dell’ATA Rifiuti provinciale, affinché possa essere discussa, ed eventualmente condivisa, dai relativi Consessi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.