Castelbellino, Consiglio comunale di fuoco in diretta Facebook | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino, Consiglio comunale di fuoco in diretta Facebook

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagini dalla diretta del Consiglio di lunedì

CASTELBELLINO – Consiglio comunale di fuoco lunedì a Castelbellino. Al Palasport Martarelli, dove si è svolta l’adunanza nel rispetto delle misure covid, sono volate scintille tra la maggioranza e la minoranza Ritroviamo Castelbellino. «Non ci è stata data facoltà di leggere la dichiarazione preliminare a inizio consiglio – fa sapere la capogruppo dell’opposizione Federica Carbonari – per cui siamo stati costretti ad abbandonare l’aula. Ovviamente, chiedendo un rinvio, ai sensi dell’art. 17 del Regolamento per il funzionamento del consiglio comunale dovevamo avere la possibilità di parole, visto che sono tre mesi che non viene convocato il consiglio».

federica carbonari
Federica Carbonari, capogruppo Ritroviamo Castelbellino

La dichiarazione si apriva con una riflessione sulla diretta Facebook della seduta, la prima trasmessa sul canale ufficiale del comune, rimarcandone l’importanza «a dimostrazione che si poteva e doveva fare!»: Ritroviamo Castelbellino, nel documento, tira in ballo una mozione bocciata mesi fa dalla maggioranza, accusata di avere allora «negato categoricamente la possibilità di effettuare la diretta audio streaming delle sedute consiliari». Altra questione riguarda i «90 giorni di silenzio totale» e la convocazione del Consiglio comunale «dopo quasi tre mesi dall’ultimo, sebbene l’art. 9 dello Statuto comunale, comma 1, stabilisca espressamente che i consigli comunali sono convocati almeno una volta ogni due mesi». Per Ritroviamo Castelbellino dunque la convocazione del Consiglio comunale era «illegittima e irregolare» perché convocata «fuori i termini di legge» , chiedendo il rinvio dell’ordine del giorno a nuova seduta. Inoltre veniva richiesta la decadenza d’ufficio di due consiglieri di maggioranza assenti come previsto dallo Statuto comunale per coloro che «non intervengono a tre sedute consecutive».

Andrea Cesaroni
Il sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni

Per il sindaco Andrea Cesaroni però «le dichiarazioni politiche si fanno dopo», in quanto all’ordine del giorno erano iscritte questioni urgenti come l’approvazione del bilancio, Protezione civile, piano regolatore, atti propedeutici al bilancio, mozioni della minoranza. Inoltre, eventuali osservazioni sull’illegittimità sono da porre alla prefettura e al segretario comunale, sostiene, attribuendo il ritardo della convocazione all’emergenza covid: «Abbiamo optato per svolgere un consiglio in presenza e in sicurezza – ha dichiarato durante la seduta – mettendo a disposizioni distanze, mascherine e gel per svolgerlo al meglio». La seduta per il sindaco è regolare e dunque tira dritto: il Consiglio, con solo la maggioranza presente, approva il bilancio e con voto segreto respinge la richiesta della minoranza di decadenza dei due consiglieri assenti, «su cui – dice Cesaroni – deve comunque esprimersi il Consiglio comunale, valutando le motivazioni fornite». Le giustificazioni verbali e non scritte dei consiglieri sono state giudicate valide dal Consiglio e dunque i due restano nella maggioranza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.