Castelbellino, Federica Carbonari sfida alle urne il sindaco uscente Cesaroni

CASTELBELLINO – A sfidare il sindaco uscente Andrea Cesaroni, a Castelbellino c’è la candidata sindaco Federica Carbonari: 35 anni, avvocato, lavora come libera professionista dal 2014. Quello che propone alla comunità è un progetto apartitico, con «l’obiettivo di ridare alla cittadinanza una vera comunità, a partire dalle strutture, dalle strade e dai servizi stessi» e di «accorciare le distanze tra istituzioni locali e cittadini, guidandoli verso un percorso civico, in un fare consapevole».
La Carbonari racconta di aver avviato il proprio progetto politico «camminando per le vie del paese, ascoltando i concittadini» dando vita a un percorso in grado di «dare un nuovo volto a Castelbellino». Ma senza presunzione: «Non abbiamo la presunzione di essere i migliori – afferma la candidata – Il passato, più o meno buono che esso sia, rappresenta un punto di partenza verso un capitolo tutto nuovo da riscrivere insieme e con i cittadini. Una nuova storia, diversa dalle precedenti. Per questo RitroviAmo Castelbellino non è solo e soltanto un programma elettorale ma è prima di tutto un gruppo di amici e concittadini che hanno deciso di mettere insieme le proprie personalità e le rispettive competenze professionali per avviare un percorso civico che nasce dal bisogno della comunità di ritrovarsi e di riconoscersi in un qualcosa che accomuna tutti e di cui ci si sente parte integrante».

Nella squadra della Carbonari ci sono:

–  Mecarelli Michela, 33 anni, insegnante di religione alla scuola primaria e collaboratrice casa editrice;
–  Pace Roberto, 49 anni, presidente dell’asd Castelbellino Calcio A5;
–  D’Antuono Filippo, 22 anni, studente;
–  Santinelli Alfio, 63 anni, membro del consiglio direttivo del collegio agrotecnici e agrotecnici laureti delle Marche;
–  Mengoni Cinzia, 52 anni, autista ztl e nonna nel tempo libero;
–  Colacicco Eugenia, 59 anni, lavora da vent’anni da Fileni;
–  Manoni Mery, 47 anni, insegnante nuoto e fitness, segretaria all’impianto di Moie;
– Fiordelmondo Marco, 47 anni, ha lavorato per 25 anni nel settore alberghiero in Italia e all’estero, responsabile    mensa Villa Silvia di Senigallia e chef consulente alla Cidas di Macerata;
– Bolletta Carlo, 42 anni, imprenditore; 

– Mosca Roberto, 48 anni, ingegnere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*