Castelbellino festeggia la sua prima centenaria: buon compleanno a Lina Campanile | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Castelbellino festeggia la sua prima centenaria: buon compleanno a Lina Campanile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

CASTELBELLINO – Castelbellino festeggia oggi la sua prima centenaria, la signora Lina Campanile, nata il 28 dicembre del 1915. Originaria di Maiolati Spontini, Lina vive a Castelbellino dal lontano 1938, nella stessa casa in cui si trasferì dopo il matrimonio con il marito Ulderico, scomparso una ventina di anni fa. Le due guerre mondiali hanno segnato profondamente la sua vita: durante la prima perse il suo papà, per un incidente ferroviario alla stazione di Jesi. Lei, la più piccola di cinque figli, al tempo aveva solo due anni. Poi l’addio ai due fratelli più grandi, salpati per l’America e la gioia di rivederli soltanto dopo parecchi anni, quando finalmente negli Stati Uniti si poteva andare anche in aeroplano. Una vita scandita di attimi intensi, dolore, fatica ma anche soddisfazioni e amore per la propria famiglia: Lina, che di mestiere faceva la pagliaia, racconta di non aver mai smesso di lavorare. Quando aveva un po’ di tempo libero, era fuori, nell’aiuola del paese vicino alla statale, a prendersi cura di piante e fiori. Dei primi giorni da sposata, ricorda le difficoltà di abituarsi alla vita domestica mentre il marito lavorava come falegname e barbiere. Onestà e lavoro sono il segreto, dice Lina, per arrivare ai cento anni “con furore”.

Oggi intorno a Lina si è raccolta tutta la comunità di Castelbellino, felice di festeggiarla nei locali del ristorante il Tamburo Battente alla presenza del sindaco Andrea Cesaroni, il vice sindaco Massimo Costarelli, il parroco Don Maurizio Fileni, gli amici e i parenti: c’erano anche la figlia Davina, di 76 anni, i nipoti Monica e Luca e le tre pronipoti Maria Letizia, Anna Laura e Vittoria.

“A nome della comunità,esprimo vicinanza ed affetto alla signora Lina e i migliori auguri di buon compleanno – ha detto il Sindaco, omaggiando la festeggiata con una pergamena e un mazzo di fiori – L’esperienza di Lina ci rende orgogliosi di vivere in un paese dove si mantengono sane le abitudini e dove la presenza e il funzionamento di circoli ricreativi, luoghi di ritrovo e ambienti di socializzazione contribuiscono ad una buona e longeva qualità della vita”.

(Nella foto in alto, da sinistra: il sindaco Andrea Cesaroni, la signora Lina Campanile con la pronipote Vittoria, la figlia Davina e il parroco Don Maurizio Fileni)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.